Prevenzione del crimine, decine di avvisi orali nell'Agrigentino

Sono stati emessi dalla questura di Agrigento per l'esistenza di "precisi indizi sulla condotta illecita"

Avvisi orali a "tenere un comportamento conforme alla legge", sono stati emessi dalla questura di Agrigento nei confronti di dodici persone residenti nella provincia, per l'esistenza a loro carico di "precisi indizi sulla sua condotta illecita", si legge in una nota dell’ufficio Misure di prevenzione della Divisione anticrimine.

Gli avvisi sono stati inviati a: A. S., 35 anni, abitante a Naro, con precedenti per reati in violazione delle norme contro gli stupefacenti;  M. A., 56 anni, abitante a Campobello di Licata, con precedenti per minaccia, appropriazione indebita, violenza privata e stalking, violazione di domicilio, danneggiamento, lesioni personali; C. V., 21 anni, abitante a Favara, con precedenti per attività non autorizzata di raccolta o smaltimento di rifiuti, invasione di terreni od edifici, violazione delle norme contro gli stupefacenti e furto di energia elettrica.

E ancora  H. A., 21 anni, abitante ad Agrigento, con precedenti per furto, rapina, lesioni personali, rissa, guida sotto l’influenza dell’alcol, minaccia, danneggiamento aggravato, rifiuto dell’accertamento del tasso alcolemico e resistenza a pubblico ufficiale;  E. I., 20 anni, abitante a Bivona, con svariati precedenti per lesioni personali aggravate;  B. A., 25 anni, abitante a Ravanusa, con precedenti per estorsione, percosse e maltrattamenti in famiglia;  M. F., 52 anni, abitante a Palma di Montechiaro, con precedenti per appropriazione indebita, dichiarazione fraudolente mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, furto, danneggiamento, violazione delle norme in materia di stupefacenti, interruzione di servizio pubblico.

Poi, avvisi orali anche per M. G., 36 anni, abitante a Licata, con precedenti per violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale., violenza privata, interruzione di pubblico servizio, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità; M. A., 40 anni, abitante a Licata, con precedenti per violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, violenza privata, interruzione di pubblico servizio, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità; T. G. , 40 anni, abitante a Licata, con precedenti per interruzione di pubblico servizio, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, furto, associazione per delinquere e trattamento illecito di dati; M. G. , 40 anni, abitante a Licata, con precedenti per: violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, violenza privata, interruzione di pubblico servizio, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità; S. G. , 41 anni, abitante a Licata, con precedenti per porto abusivo di armi, violazione delle norme contro gli stupefacenti, inosservanza dei provvedimento dell’autorità, minaccia, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, guida in stato di ebbrezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

  • Scoppia una maxi rissa a Porto Empedocle, più feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento