Avviata la sanificazione degli automezzi del Libero consorzio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Avviata dal servizio di “Protezione e Prevenzione” del Libero Consorzio Comunale di Agrigento la sanificazione degli automezzi utilizzati giornalmente dal personale dell'Ente in queste settimane di emergenza da Covid-19. Questa attività è stata attivata d'intesa con il segretario generale Caterina Moricca e con il commissario straordinario Alberto Girolamo Di Pisa.

Oggi sono stati sanificati dalla ditta incaricata, direttamente nella sede di Via Acrone ad Agrigento, gli automezzi e una tenda della Protezione civile, i mezzi della Manutenzione e tre mezzi del settore Infrastrutture stradali. Entro le ore pomeridiane saranno sanificati gli altri automezzi del settore Infrastrutture e quelli della Polizia Provinciale. L'attività, svolta dalla ditta Aga Servizi s.r.l., richiede almeno dieci minuti per ogni automezzo che potrà essere riutilizzato dopo circa un'ora.

I numerosi mezzi pesanti del Libero Consorzio andranno sanificati direttamente sui luoghi di lavoro. Si tratta di un'attività necessaria ed obbligatoria per tutelare la sicurezza dei dipendenti e per garantire il contrasto ed il contenimento sul territorio della diffusione del virus.

Gli automezzi oggetto della sanificazione sono quelli utilizzati dal personale che continua a prestare il proprio lavoro direttamente nel territorio come la Polizia Provinciale, i dipendenti del settore Infrastrutture Stradali, la Protezione Civile e la Manutenzione.

Il resto del personale del Libero Consorzio di Agrigento, in seguito all'adozione da parte di appositi provvedimenti del Commissario Straordinario Di Pisa e del Segretario Generale dell'Ente per la gestione emergenza Covid-19, continua l'attività lavorativa in modalità di lavoro agile con esclusione di
quei servizi che prevedono il contatto diretto con il pubblico che sono attualmente sospesi.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento