"Avevo appuntamento con una prostituta", 35enne sfonda la porta e trova una suora

L'uomo è fuggito, ma è stato ritrovato dai poliziotti della sezione Volanti della Questura di Agrigento

Un agrigentino ha sfondato una porta di un istituto religioso nei pressi di San Vito. L’uomo, però, è stato beccato dai poliziotti. L’agrigentino ha dato una giustificazione più che mai singolare. “Pensavo fosse la casa di una prostituta. Avevo un preso un appuntamento”.

La versione del 35enne, secondo quanto fa sapere La Sicilia, non ha convinto i poliziotti. L’ipotesi privilegiata è quella legata al tentato furto.

Nel dettaglio, l’uomo, sfondando la porta si è trovato davanti una suora ed una giovane mamma, quest’ultima con accanto la propria figlia. Le donne hanno urlato, ed è scattato subito l’allarme. L’uomo è fuggito a piedi,  ma è stato poco dopo ritrovato dai poliziotti delle “Volanti”. Il 35enne è stato bloccato e portato in caserma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento