"Autolavaggio troppo rumoroso", azienda dovrà pagare una multa

Le attrezzature avrebbero prodotto suono oltre i limiti consentiti dalla norma all'interno degli appartamenti sovrastanti

(foto ARCHIVIO)

L'autolavaggio è troppo rumoroso, ditta dovrà pagare una sanzione da 500 euro. Accade a Canicattì: la polizia municipale, su segnalazione di un residente, è intervenuta in un appartamento sovrastante il lavaggio insieme alll'Arpa Sicilia di Agrigento. 

"Da dette misure - dice il provvedimento - è emerso che il rumore prodotto dalle attrezzature e macchinari adoperati per l' attività di autolavaggio (aspirapolvere, compressore, pompa idropulitrice) ed immersi in ambiente abitativo, non è accettabile per il superamento del limite differenziale diurno in trasgressore nonché obbligato in solido, la violazione dell’art. 4 , comma1 della Legge 447/95, sanzionata dall'art. 10 , comma 2 della stessa legge, per superamento dei limiti di emissione sonora". In particolare si registrava una differenza di ben 1,5 dBA tra il rumore residuo e il rumore misurato all'interno dell'abitazione.

Questo ha fatto scattare la contestazione da parte della Polizia Municipale, che ha sanzionato il titolare dell'autolavaggio con un verbale da 516 euro che è stato poi trasmesso al Libero consorzio per l'azione di recupero coattivo, essendo l'ex Provincia competente in tema di reati ambientali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento