Mercoledì, 17 Luglio 2024
Polizia ambientale

"Hanno bloccato l'inquinamento": dopo la raffica di sequestri di autolavaggi la Giunta propone 3 medaglie

L'Esecutivo di Franco Micciché ha deliberato le proposte di benemerenza che verranno adesso inoltrate al ministero dell'Ambiente

La Giunta ha deliberato. Le tre proposte di benemerenza in materia ambientale, una di prima classe, una di seconda e l'altra al merito, e le relative medaglie d'oro e d'argento verranno adesso inoltrate al ministero dell'Ambiente. Su proposta del sindaco Franco Micciché, il Municipio intende consegnare un alto riconoscimento ai tre uomini della guardia costiera che si sono occupati dei controlli - una vera e propria operazione di polizia ambientale - di tutte quelle attività i cui cicli di produzione possono dare origine a scarichi reflui potenzialmente idonei ad inquinare. Ossia degli autolavaggi.  

Dallo scorso 15 gennaio al 30 aprile 2024, il corpo delle Capitanerie di porto ha realizzato ispezioni mirate sugli impianti, che in assenza di titoli autorizzativi, sversava direttamente sul suolo i reflui industriali prodotti, con conseguente inquinamento di corsi d’acqua e delle aree adiacenti. Le proposte di benemerenza sono state deliberate per il capitano di fregata Antonio Ventriglia, che è il comandante della Capitaneria di Porto Empedocle e del relativo compartimento; per il secondo capo Np Lucio Passarello, ufficiale di polizia giudiziaria che, può, tra l’altro, vantare 4 anni di lodevole servizio all'aliquota guardia costiera della sezione di Pg della Procura della Repubblica di Agrigento e per il luogotenente Np Massimo De Santis in servizio alla Capitaneria di Porto Empedocle. 

Il tempo delle automobili sporche sta per finire: autorizzati tre autolavaggi

Altri 2 autolavaggi non in regola: fra sequestri e chiusure spontanee adesso è emergenza

Micciché ha evidenziato i sequestri e le denunce formalizzate: effettuazione di nuovi scarichi di acque reflue industriali senza
autorizzazione e smaltimento di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, nonché la contestazione di inosservanza della disciplina relativa al permesso di costruire. Ma anche tutti quegli autolavaggi che hanno cessato spontaneamente, per non avere guai nelle more dell'adeguamento degli impianti, l’attività industriale. 

I controlli sono stati fatti anche in provincia laddove, appunto, si è registrato un forte fenomeno di saracinesche abbassate spontaneamente. "La gran mole di istanze di regolarizzazione ha, addirittura, costretto il Libero consorzio comunale ad implementare l’ufficio preposto all’iter amministrativo per il rilascio dell’Aua - ha sottolineato il sindaco di Agrigento - .I controlli sugli autolavaggi ad opera della Capitaneria di Porto Empedocle non si sono risolti nella mera repressione di gravi fattispecie di rilievo penale, avendo promosso un percorso virtuoso di affermazione dei valori del rispetto dell’ambiente nel territorio del Comune di Agrigento e del Libero consorzio". 

Autolavaggi sequestrati o chiusi: creato un pool per smaltire le istanze degli imprenditori

Questa la motivazione della proposta di diploma di benemerenza in materia ambientale di prima classe e della relativa medaglia d’oro per il capitano di fregata Antonio Ventriglia“Nel corso della propria carriera, si è sempre prodigato, con instancabile slancio, eccezionale professionalità e intelligente intraprendenza, per la repressione di condotte illecite in danno dell’ambiente. In particolare, dal 15 gennaio 2024 al 30 aprile 2024, nella veste di comandante della Capitaneria di Porto Empedocle, ha implementato in maniera decisiva i controlli degli scarichi industriali prodotti da numerosi autolavaggi siti nel territorio del Comune di Agrigento, conseguendo tangibili e riconosciuti risultati di pregio. All’esito dei controlli in parola si è proceduto, in diverse occasioni, finanche al sequestro dello stabilimento per mancanza di qualsivoglia autorizzazione, ovvero per immissione, senza alcun trattamento di depurazione, delle acque industriali nella pubblica fognatura o per sversamento diretto dei medesimi reflui su aree di notevole estensione, con gravissimo danno alla matrice ambientale".

Questa invece la motivazione della proposta benemerenza in materia ambientale di seconda classe e della relativa medaglia
d’argento per il secondo capo Np Lucio Passarello“Ufficiale di polizia giudiziaria in servizio alla Capitaneria di Porto Empedocle, dal 15 gennaio 2024 al 30 aprile 2024 ha svolto, con spiccata professionalità e non comune senso del dovere, una serie di mirati controlli aventi ad oggetto gli scarichi industriali prodotti da numerosi autolavaggi siti nel territorio del Comune di Agrigento, contribuendo in maniera significativa al conseguimento di tangibili e riconosciuti risultati di pregio. All’esito dei controlli si è proceduto, in diverse occasioni, finanche al sequestro dello stabilimento per mancanza di qualsivoglia autorizzazione, ovvero per immissione, senza alcun trattamento di depurazione, delle acque industriali nella pubblica fognatura o per sversamento diretto dei medesimi reflui su aree di notevole estensione, con gravissimo danno alla matrice ambientale”.

Questa, infine, la motivazione per la benemerenza in materia ambientale di seconda classe e della relativa medaglia d’argento per il luogotenente Np Massimo De Santis“Ufficiale di polizia giudiziaria in servizio alla Capitaneria di Porto Empedocle, dal 15 gennaio 2024 al 30 aprile 2024 ha svolto, con spiccata professionalità e non comune senso del dovere, una serie di mirati controlli aventi ad oggetto gli scarichi industriali prodotti da numerosi autolavaggi siti nel territorio del Comune di Agrigento, contribuendo in maniera significativa al conseguimento di tangibili e riconosciuti risultati di pregio. All’esito dei controlli in parola, si è proceduto, in diverse occasioni, finanche al sequestro dello stabilimento per mancanza di qualsivoglia autorizzazione, ovvero per immissione, senza alcun trattamento di depurazione, delle acque industriali nella pubblica fognatura o per sversamento diretto dei medesimi reflui su aree di notevole estensione, con gravissimo danno alla matrice ambientale”.

"Scaricavano le acque senza alcuna depurazione": sequestrati altri 3 autolavaggi

"Acque reflue non depurate sversate in appositi sentieri": sequestrato un autolavaggio

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hanno bloccato l'inquinamento": dopo la raffica di sequestri di autolavaggi la Giunta propone 3 medaglie
AgrigentoNotizie è in caricamento