Acqua sul viadotto, un'auto perde il controllo e finisce contro il guard-rail

Era tarda notte circa quando sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento

Si allaga la bretella che da piazzale Rosselli porta verso la strada statale e un’autovettura, facendo aquaplaning, finisce contro il guard-rail. E’ accaduto nella notte fra sabato e domenica. Erano le 2,30 circa quando sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. L’automobilista non è rimasto ferito, danneggiata invece la macchina. Un episodio che, ancora una volta, ha fatto accendere i riflettori della cronaca proprio sulle bretelle che conducono verso piazzale Rosselli o che ne consentono l’uscita verso la statale. Quando piove - e non per forza deve trattarsi di violenti temporali – ci sono le parti verso valle delle due bretelle che, improvvisamente, si allagano.

Si allaga il viadotto

Non è la prima volta, né probabilmente l’ultima, che i vigili del fuoco del comando provinciale si ritrovano costretti a dover intervenire per cercare di prosciugare le aree.

C’è qualcosa che non funziona. Non più come prima, almeno. E si tratta dei cosiddetti canali di scolo. I canali sono otturati da bottiglie di plastica o altro genere di rifiuti, ma anche da erbacce. L’acqua piovana, sia copiosa o meno, non riesce dunque a defluire e rimane a creare pozzanghere più o meno grandi. Così appunto, come è accaduto nella notte fra sabato e domenica, si determinano casi di acquaplaning. Casi che potrebbero anche avere delle brutte, se non drammatiche, conseguenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche dal comando provinciale dei vigili del fuoco è stato sollevato il problema: occorre intervenire. Serve che chi di competenza si mobiliti e faccia ripulire i cosiddetti canali di scolo. L’acqua piovana potrebbe del resto anche contribuire, a lungo andare, a creare problemi di stabilità alle “bretelle”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento