rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Raid vandalici / Quadrivio Spinasanta / Via Regione Siciliana

Devastata con un chiodo l'auto di un impiegato, c'è un "maniaco" in giro per la città?

L’agrigentino non ha potuto far altro che recarsi all’ufficio Denunce della Questura e raccontare, documentando anche, quanto gli era, suo malgrado, capitato

C’è un “maniaco” che si aggira per la città e, “armato” di chiodo, devasta – rigando le carrozzerie – ogni auto che gli viene a portata di mano? E’ questo uno degli interrogativi che si stanno ponendo i poliziotti della sezione Volanti della Questura che, anche ieri, hanno raccolto l’ennesima denuncia – a carico di ignoti – per il danneggiamento di una

Volkswagen Golf di proprietà di un impiegato quarantenne. La macchina era stata lasciata posteggiata, alle 20 circa di lunedì, in via Regione Siciliana. Ieri mattina, al momento di riprenderla, la terribile scoperta per il proprietario: qualcuno – senza essere visto, né tantomeno sentito – aveva rigato il tetto, gli sportelli e altre parti della carrozzeria. Un danno economico importante per l’impiegato, oltre all’incredulità e rabbia per essere stato vittima di un raid vandalico. L’agrigentino non ha potuto far altro, ieri mattina, che recarsi all’ufficio Denunce della Questura e raccontare, documentando anche, quanto gli era, suo malgrado, capitato. I poliziotti della sezione Volanti hanno subito avviato le indagini. Si tratta, per la città di Agrigento, dell’ennesimo episodio. Ed è proprio questo ripetersi di danneggiamenti che, ieri, lasciavano ipotizzare che non si trattasse di un episodio mirato all’impiegato quarantenne. Non c’è, naturalmente, nessuna certezza sul fatto che, in giro, possa esserci un “maniaco”. Il ripetersi di questo genere di danneggiamenti, in ogni parte della città, lo lascerebbe – anche se serviranno le prove – presupporre. Fatti analoghi – tutti inspiegabili - si sono registrati tanto in centro, quanto a San Leone. Ad indagare, a seconda di dove viene presentata la denuncia, sono sia la polizia che i carabinieri. Fitto, da entrambi i “fronti”, è il riserbo investigativo. Inevitabile comunque il fatto che, ieri, i poliziotti abbiano verificato l’eventuale presenza di impianti di videosorveglianza pubblici o privati posizionati lungo via Regione Siciliana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Devastata con un chiodo l'auto di un impiegato, c'è un "maniaco" in giro per la città?

AgrigentoNotizie è in caricamento