Attentato a Nizza, viaggiò dalla Tunisia in Francia col killer: fermato un sospettato

Un tunisino di 29 anni, fermato a Grasse, era sulla stessa imbarcazione di Brahim che è arrivata a Lampedusa lo scorso 21 settembre

Uno dei sospetti fermati nell'inchiesta sulla strage di Nizza, nella cattedrale di Notre-dame-de-l'Assomption, aveva seguito il percorso migratorio fra Tunisia, Italia e Francia insieme con Brahim Issaoui, il ventunenne che ha ucciso tre persone giovedì nell'attentato in chiesa. Lo scrive Le Parisien - e lo riporta l'Ansa - citando fonti dell'inchiesta e precisando in particolare che il tunisino di 29 anni, fermato a Grasse sabato, era sulla stessa imbarcazione di Brahim, arrivata dalla Tunisia a Lampedusa lo scorso 21 settembre.

I due hanno continuato a fare lo stesso percorso in Italia prima di arrivare in Francia, anche se non si sa se il loro arrivo sul suolo francese sia avvenuto contemporaneamente. Gli inquirenti affermano che Brahim fu trasferito il 9 ottobre a Bari, dopo una quarantena sulla nave 'Rhapsody',  dove c'era anche il sospetto tunisino. Sarebbe poi rimasto in Sicilia fino al 26 ottobre per arrivare a Nizza il giorno dopo, verso sera. Meno di 48 ore dopo il suo arrivo, è passato all'azione nella cattedrale di Nizza.

Attentato di Nizza, il killer trascorse 15 giorni a Palermo a casa di un parente: la Dda apre inchiesta

La polizia francese ha rilasciato tre persone che erano state arrestate perché sospettate di essere coinvolte nell'attacco all'arma bianca di matrice islamista avvenuto giovedì scorso a Nizza, nel sud della Francia, che ha provocato tre morti. Tre sospettati maschi, di 47, 35 e 33 anni sono stati rimessi 
in libertà, riporta l'Afp citando fonti giudiziarie. Il 47enne era stato arrestato giovedì scorso, il giorno dell'attacco, mentre gli altri due sono stati presi l'indomani. Oltre al sospetto attentatore, restano in custodia altre tre persone. Tra loro si trova il 29enne tunisino che è stato arrestato sabato a Grasse, a 25 km da Nizza, scrive l'agenzia. Il 21enne tunisino, che è accusato di aver ferito mortalmente il sacrestano e altre due donne nella Basilica di Notre Dame, resta in ospedale dopo essere stato fermato dalla polizia, che gli ha sparato, e non è ancora in condizione di essere interrogato. 

L'attacco a Nizza con tre vittime, c'è la conferma: killer tunisino sbarcato a Lampedusa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento