Ato idrico, Intercopa: "Chiarezza sulla nomina del componente tecnico"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

“Non si comprendono le modalità dell’avviso pubblico del 27 gennaio 2017 emesso dal Consorzio di Ambito di Agrigento sul Servizio Idrico Integrato per la nomina del componente tecnico, da inserire nel Comitato Tecnico, poiché per legge tutti i componenti delle commissioni sono designati dagli organismi di rispettiva appartenenza e non hanno diritto ad alcun compenso per la loro attività”. Lo scrive in una nota il Comitato intercomunale per la gestione pubblica dell’acqua.

Il comitato Intercopa, si legge in una nota, “presenterà il proprio nominativo designato da almeno 18 comuni così come è stato deciso, e dovrà sperare di spuntarla in un sorteggio con altri due, tre o più soggetti nominati da singoli comitati, sempre se questi esistono e sono riconoscibili. Oltretutto, il criterio del sorteggio appartiene ad un metodo adottato negli ultimi anni per sottrarre le nomine di organismi pubblici come collegi sindacali, collegi dei revisori ed altri incarichi, alle clientele politiche, ma che c’entra la nomina di componenti tecnici che appartengono a comitati di cittadini che contestano e protestano per un gestore incapace e inefficiente e che nulla hanno a che fare con la politica?”.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento