rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Ati, i sindaci "scaricano" sugli uffici il compito di decidere sulle gestioni dirette

L'assemblea ha trasferito alla struttura burocratica l'onere di definire l'accesso ai benefici dell'articolo 147 per i 17 Comuni "ribelli"

Gestione diretta delle risorse idriche per alcuni comuni della provincia, l'Ati ha deciso di non decidere e ha demandato agli uffici l'onere di sciogliere la complessa situazione burocratica.

L'assemblea ha infatti approvato a maggioranza un punto che incarica la direzione di provvedere a valutare il possesso o meno dei requisiti previsti dalla legge per i 17 comuni ex "ribelli" che non hanno mai consegnato le proprie reti idriche e stanno tentando oggi di "normalizzare" la propria situazione chiedendo l'applicazione dell'articolo 147 della legge Galli.

Pierobon "tuona" contro l'Ati: "Pronti al commissariamento"

La precedente proposta, che aveva portato ad una spaccatura dentro l'Ati, prevedeva che i sindaci si facessero carico di consentire l'accesso ai benefici del 147 a soli 8 comuni, ai quali, tuttavia, veniva offerta una vera e propria moratoria di 18 mesi per dotarsi di tutti i requisiti previsti dalla normativa. Una condizione che non aveva convinto molti sindaci, portando ad uno scontro che si è oggi ricomposto semplicemente trasferendo su altri l'onere di dover decidere.

Il Forum per l'acqua pubblica scrive ai comuni: "Riconsegnate le reti"

I problemi per l'Ati tuttavia non sono finiti. Come vi avevamo raccontato nei giorni scorsi, infatti, oggi vi è un concreto rischio di commissariamento da parte dell'Assessorato regionale alle Acque e rifiuti data l'assenza di un piano d'ambito e di procedure avviate per il futuro della gestione.

Ati, è scontro a tutto campo tra i sindaci: assemblea nel caos

A chiedere ai Comuni "ribelli" di riconsegnare le reti, considerata l'avvio della costituzione di una società consortile speciale pubblica, era stato nei giorni scorsi anche il Forum per l'acqua pubblica siciliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ati, i sindaci "scaricano" sugli uffici il compito di decidere sulle gestioni dirette

AgrigentoNotizie è in caricamento