"Presunte violazioni di legge da parte del sindaco", inviato ispettore regionale

Le segnalazioni partono dal consigliere comunale Giuseppe Giuffrida

Un accesso ispettivo è stato disposto al Comune di Cattolica Eraclea da parte della Regione Siciliana al fine di verificare “presunte persistenti violazioni di legge” da parte del sindaco Santo Borsellino segnalate dal consigliere comunale di opposizione Giuseppe Giuffrida.

Il provvedimento è stato firmato dall’Assessorato regionale delle Autonomie locali e della Funzione Pubblica nei giorni scorsi. Il funzionario ispettore incaricato dovrà svolgere un'attività di verica e  "relazionare con urgenza sull’esito della verifica svolta e, qualora ne risultino verificate le condizioni, rapportando i fatti agli organi e/o autorità normativamente interessate”.

Giuffrida aveva richiesto all'Assessorato la rimozione del sindaco, contestando anche le giustificazioni fornite dall'Ente rispetto alle prime richieste di chiarimento avanzate da Palermo, con gli stessi uffici che hanno ritenuto fondata la contestazione rivolta al primo cittadino di non aver provveduto a realizzare la relazione annuale di realizzazone del programma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento