menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Crescita dei contagi e assembramenti, Micciché pronto al "pugno duro"

Stamattina vertice in Prefettura per studiare le misure che possano essere adottate nei prossimi giorni

Lo aveva annunciato lo scorso week end, dopo che le immagini di San Leone fotografavano chiaramente una situazione totalmente fuori controllo, con centinaia di persone "assembrate" nelle zone di passeggio. In quell'occasione il sindaco Franco Micciché aveva infatti detto che era pronto anche a misure "impopolari" al fine di ridurre i rischi di contagio.

Adesso che la curva sembra in risalita (+13 casi ad Agrigento ieri), il primo cittadino è già al lavoro con la Prefettura di Agrigento per provvedimenti mirati per San Leone tra cui, trapela, la possibilità di una chiusura al transito di alcune zone, stante che il "divieto di assembramento" sembra servire davvero a poco. L'incontro con il rappresante del Governo e con le forze dell'ordine è previsto stamattina.

San Leone invasa dalle persone, Micciché: "Pronto a scelte impopolari"

"I giovani devono capire cosa rischiano e i loro genitori dovrebbero spiegare ai loro figli che stare una sera con gli amici senza osservare le prescrizioni anti contagio può costare caro - dice il primo cittadino -. Questo sia dal punto di vista di una sanzione ma soprattutto dal punto di vista della salute. Non è vero che il Covid 19 è come una influenza. E’ molto di più e se trasmessa a persone debilitate può avere anche effetti letali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento