rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca

"Comprano merce per 200 mila euro e non la pagano", condannati due imprenditori

Secondo il giudice avrebbero fatto finta di saldare il debito con due ditte fornitrici con assegni protestati e scoperti

Assegni scoperti o protestati come espediente per non pagare la merce. L’importo del presunto raggiro ammonta a oltre 200 mila euro.

Il giudice Antonio Genna ha condannato a otto mesi di reclusione ciascuno gli imprenditori Gaetano e Gioachino Sferrazza, padre e figlio di 75 e 51 anni. I due imputati, che da tanti anni gestiscono punti vendita sparsi per la città e non solo, nel 2012 sono stati denunciati dai responsabili di due imprese, una delle quali al processo si è costituita parte civile.

Gaetano e Gioachino Sferrazza – il primo rappresentante legale e il secondo rappresentante commerciale di una ditta che vende giocattoli – avrebbero acquistato della merce da due società senza corrispondere alcun pagamento. I contratti, in un primo momento, sarebbero stati regolarmente adempiuti. In seguito, invece, avrebbero effettuato nuove forniture pagando con assegni post datati e protestati per mancanza di fondi.

In questo modo, sostiene l’accusa, avrebbero in seguito ricevuto la merce senza pagare 108 mila euro all'impresa Di Leonforte Antonino e quasi 94 mila euro alla “Star spa”. “L’istruttoria del processo – ha detto questa mattina il pm Roberto Gambina durante la requisitoria – ha provato la loro responsabilità sotto tutti i profili”. “Non c’è stato alcun raggiro, – aveva replicato il difensore, l’avvocato Daniela Posante – siamo in presenza, nella peggiore delle ipotesi di un inadempimento di natura civilistica che nulla c’entra col penale". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Comprano merce per 200 mila euro e non la pagano", condannati due imprenditori

AgrigentoNotizie è in caricamento