rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Salute

Brucellosi bovina, la provincia di Agrigento è il primo “territorio free” in Sicilia

Da tre anni non si registrano casi della grave patologia che colpisce il bestiame e può essere trasmessa all'uomo

La provincia di Agrigento può vantare il primato di essere l'unica in Sicilia indenne da brucellosi bovina.

Ad annunciarlo è l'Asp di Agrigento: si tratta di una grave patologia che colpisce il bestiame (portando all'abbattimento) e può essere trasmessa all'uomo. Secondo i dati dell'azienda provinciale, zero sono i casi positivi e i zero focolai riscontrati negli ultimi tre anni nell'Agrigentino.

Nel corso del 2023 sono state sottoposte a controllo 396 aziende su 396 presenti in provincia per un totale di 8.090 capi di bestiame. Percentuale del 100% equiparate anche nel 2021 e nel 2022.

"I valori, resi noti dal servizio 10 'sanità veterinaria' del dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico della Regione siciliana - dice una nota dell'Asp - rendono atto di un intenso e meticoloso lavoro di eradicazione iniziato già nel 1968, reso più agevole dalla fattiva collaborazione degli allevatori agrigentini, e proseguito ogni anno mediante l’effettuazione semestrale di prelievi, e i conseguenti test di laboratorio, su tutto il patrimonio bovino provinciale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucellosi bovina, la provincia di Agrigento è il primo “territorio free” in Sicilia

AgrigentoNotizie è in caricamento