Asili nido anche ai non agrigentini, la proposta fa discutere

L'emendamento proposto da alcuni consiglieri comunali è di consentire l'ingresso anche alle famiglie che lavorano in città

(foto ARCHIVIO)

Asili comunali di Agrigento aperti a chi nella città dei Templi non versa le tasse? La proposta è stata avanzata, un po’ in silenzio, nelle settimane scorse nel contesto di un più complesso ragionamento di revisione del regolamento per il funzionamento del servizio, che giace in realtà ormai da mesi all’ordine del giorno in Consiglio comunale.
In particolare, se il regolamento stesso (risalente ad oltre 15 anni fa) verrà riaggiornato e rivisto in base ai bisogni formativi-educativi dei più piccoli, è anche stato proposto da una commissione consiliare di allargare il servizio (che non è a totale copertura del privato, ma prevede tariffe progressive in base alle condizioni economiche della famiglia) anche a gruppi familiari non agrigentini.
Siamo chiari: qui non c’entra nulla l’etnia o l’origine, ma la proposta prevede semmai che potrebbero avere pari diritti dei bambini agrigentini anche quelli figli in cui almeno uno dei due genitori lavora ad Agrigento.
Questo basterà per aver diritto al servizio, per quanto poi saranno Isee e condizione familiare a decidere di tutto il resto.
Una scelta che, comuque, sta facendo discutere, con molti consiglieri pronti a bocciare il punto (che sarà proposto come emendamento del nuovo regolamento, quando e se sarà votato in aula) ritenendo che lo stesso avrebbe alla fine a tradursi in un danno per gli agrigentini. E questo non solo perché  i posti non sono infiniti, ma soprattutto perché di fatto a sostenere il costo del servizio è praticamente alla fine il Comune di Agrigento per conto di famiglie che in città non versano nulla e che potrebbero, teoricamente, accedere al servizio presso il proprio municipio di residenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento