Caso Sea Watch3, arresto non convalidato: il comandante Carola Rackete torna libera

Secondo il gip Alessandra Vella, la resistenza a pubblico ufficiale è stata scriminata dall'adempimento ad un dovere. Il giudice ha sottolineato anche che la scelta del porto di Lampedusa non è stata strumentale, ma obbligatoria perché i porti dell Libia e della Tunisia non sono stati ritenuti porti sicuri

Carola Rackete ieri in tribunale

Il gip del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, non ha convalidato l’arresto – effettuato sabato dalla Guardia di finanza - del comandante della Sea Watch3: Carola Rackete. Il giudice per le indagini preliminari, contrariamente a quanto richiesto dalla Procura di Agrigento, ha rimesso in completa libertà la trentunenne tedesca.

Patronaggio: "Valuteremo se impugnare la non convalida"

La Sea Watch ha lasciato Lampedusa, la Ong diretta a Licata

Secondo il gip, la resistenza alla nave da guerra non sarebbe configurabile perché la motovedetta "non è nave da guerra". La resistenza a pubblico ufficiale è scriminata invece - sempre secondo il gip del tribunale di Agrigento - "dall'adempimento di un dovere". Il gip ha sottolineato anche che la scelta del porto di Lampedusa non è stata strumentale, ma obbligatoria perché i porti dell Libia e della Tunisia non sono stati ritenuti porti sicuri. ​Il decreto legge sicurezza bis "non è applicabile alle azioni di salvataggio" - spiega il gip di Agrigento, Alessandra Vella, - "in quanto riferibile  solo alle condotte degli scafisti".

Lascia la Procura e viene trasferita ai domiciliari in città, manifestazioni d'affetto per Carola Rackete

Il procuratore Luigi Patronaggio, l’aggiunto Salvatore Vella e il Pm Gloria Andreoli avevano chiesto l’applicazione della misura cautelare del divieto di dimora ad Agrigento e provincia. I difensori dell’indagata, gli avvocati Leonardo Marino e Alessandro Gamberini, ieri, a margine dell’interrogatorio, avevano chiesto invece al giudice di non convalidare l’arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il legale di Carola Rackete: "Ha ribadito le scuse, precisando di essere stata l'unica a decidere

In questo procedimento, Carola Rackete è indagata – dopo essere entrata, nonostante divieto e Alt, al porto di Lampedusa e aver leggermente speronato la motovedetta delle Fiamme gialle - per le ipotesi di reato di resistenza o violenza contro nave da guerra (codice della navigazione) e resistenza a pubblico ufficiale. Diverso è invece il fascicolo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, nel quale è iscritta sempre Carola Rackete, e che proverà a verificare – secondo quanto è stato reso noto dal procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio – se vi siano stati o meno eventuali contatti fra i trafficanti di vite e la Sea Watch3. 

"Nessuno stato di necessità", Patronaggio spiega le accuse a carico del comandante della Sea Watch

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento