menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campobello di Licata, aveva rapinato una banca: in carcere per violazione dei domiciliari

I militari della Stazione hanno più volte accertato che il disoccupato licatese, benché sottoposto agli arresti domiciliari, aveva in più episodi violato le prescrizioni imposte dalla misura cautelare cui era sottoposto

Nella giornata di ieri i carabinieri della Stazione di Campobello di Licata, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Agrigento, hanno arrestato Giuseppe Ciuni, 32enne disoccupato campobellese, già ben noto alle forze dell'ordine e in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

L'uomo è ritenuto responsabile di violazione delle prescrizioni imposte da parte dell’autorità giudiziaria.

In particolare i militari della Stazione hanno più volte accertato che il disoccupato licatese, benché sottoposto agli arresti domiciliari, aveva in più episodi violato la misura cautelare cui era sottoposto.

Ciuni nel settembre 2014 era stato arrestato per aver rapinato ad agosto una banca di Delia, nel Nisseno e, chiesto di restituire il bottino, era stato "graziato" con i domiciliari.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato trasferito nella Casa circondariale di Agrigento, a disposizione dell’Autorità giudiziaria mandante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento