Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre arresti per il pestaggio di Ravanusa, i carabinieri: "Determinante la collaborazione dei cittadini"

Il brutale episodio di violenza è maturato in ambienti dove è frequente l’abuso di sostanze alcoliche

 

“L’abuso di sostanze alcoliche determina azioni senza limite e, in questo caso, poteva finire veramente malissimo”. Queste, ai microfoni di AgrigentoNotizie, sono state - a margine della conferenza stampa tenuta al comando provinciale dell'Arma - le parole del luogotenente Salvatore Turturici, comandante della stazione carabinieri di Ravanusa. Ad essere arrestati sono stati tre braccianti agricoli romeni. In concorso sono stati accusati di aver pestato brutalmente un loro giovane connazionale per un debito di venti euro. Determinante, ai fini delle indagini, è stata anche la collaborazione dei cittadini.

"Aggredito e ridotto in fin di vita per un debito di 20 euro", arrestati tre fratelli: c'è anche una donna
"Aggredito e ridotto in fin di vita per un debito di 20 euro", arrestati tre fratelli: c'è anche una donna

“La gente – ha ribadito il capitano Francesco Lucarelli che guida la compagnia di Licata – per noi è tutto, noi possiamo aiutare ma chiediamo di aiutarci, deve essere una cosa reciproca e questa deve essere la nostra forza”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento