Sbarco a Lampedusa, peschereccio tunisino intercettato: arrestati cinque scafisti

Una vedetta della sezione operativa navale di Lampedusa ha intercettato in acque territoriali il peschereccio ed ha impedito la fuga. I militari, in seguito, lo hanno scortato in porto

A bordo di un peschereccio tunisino avevano abbandonato dei migranti nei pressi dell'isola Lampione, a Lampedusa. I militari, dopo dei controlli dettagliati, hanno accertato che l'equipaggio di quella imbarcazione era composto da veri scafisti. 

Nel dettaglio, nel pomeriggio del 20 luglio, le unità navali della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera hanno catturato un peschereccio tunisino che aveva sbarcato migranti sull’isola di Lampione, arrestando i cinque membri dell’equipaggio. Dopo aver ricevuto una segnalazione da personale in servizio all’area Marina Protetta Isole Pelagie, testimone di uno sbarco sull’isola di Lampione, la Capitaneria di Porto di Lampedusa ha allertato il dispositivo di vigilanza marittima presente sull’isola, nel quale operano le unità navali della Guardia di Finanza, della guardia Costiera ed assetti aereonavali dell’Agenzia Europea Frontex.

Una vedetta della sezione Pperativa Navale di Lampedusa ha intercettato in acque territoriali il peschereccio segnalato, impedendo la fuga e riconducendolo in porto, mentre una motovedetta della Guardia Costiera ha recuperato i migranti abbandonati sull’isola di Lampione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli accertamenti di polizia giudiziaria, effettuati dai finanzieri di mare in collaborazione con Guardia di Finanza di Lampedusa e dell'ufficio Circondariale Marittimo, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Agrigento, hanno confermato che era effettivamente la barca utilizzata per trasportare illegalmente i migranti. I cinque soggetti tunisini sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria, convalidato il 27 luglio dal giudice per le Indagini Preliminari, e condotti in carcere ad Agrigento con l’accusa di "favoreggiamento dell’immigrazione clandestina", mentre il peschereccio è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento