"Forniscono false generalità dopo lo sbarco a Lampedusa", arrestati 5 tunisini

Le persone sono anche colpevoli di "violenza o minaccia a pubblico ufficiale , resistenza a pubblico e lesioni personali"

Sono cinque i tunisini arrestati dalla Squadra Mobile di Agrigento. Le persone fermate sono sbarcati nei giorni scorsi a Lampedusa. I tunisini, secondo quanto emerso, sono stati fermati per "reingresso nel territorio nazionale italiano e nell’area Schengen, per espiazione di pena residua e per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina, per aver fornito false generalità a seguito dello sbarco a Lampedusa e per i reati di violazione di domicilio, danneggiamento, inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, violenza o minaccia a pubblico ufficiale , resistenza a pubblico e lesioni personali". I migranti sono stati accompagnati nella casa circondariale di Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Il nuovo Dpcm 3 dicembre, cosa si può fare e non fare: tutte le regole di Natale 2020 (e i metodi per "aggirarle")

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento