Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Collezionista di armi con l'hobby dei reperti, il capitano Iozzia: "Non ce lo aspettavamo”

Le attività che hanno permesso a poliziotti e finanzieri di ritrovare un considerevole quantitativo di armi detenute illegalmente nelle abitazioni di un cinquantenne saccense

 

“Non ci aspettavamo di rinvenire tutte queste armi per le quali il soggetto non è stato in grado di esibire nessuna documentazione attestante il possesso”, così dai microfoni di AgrigentoNotizie ha parlato il capitano Giorgio Iozzia che guida la compagnia della guardia di finanza di Sciacca a margine della conferenza che, nella sala San Michele Arcangelo della Questura di Agrigento, è servita per illustrare i dettagli dell’operazione congiunta di polizia e fiamme gialle che ha portato al sequestro di armi, munizioni e reperti archeologici che erano in possesso di un collezionista della zona.

Fucili, pistole, pugnali e stiletti ... ma anche reperti archeologici: arrestato un collezionista
Fucili, pistole, pugnali e stiletti ... ma anche reperti archeologici: arrestato un collezionista

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/fucili-pistole-pugnali-e-stiletti-ma-anche-reperti-archeologici-arrestato-un-collezionista.html


“Le armi possono e devono essere detenute solo legalmente e solo se il possessore ha i requisiti previsti dalla Legge altrimenti si è passibili di arresto” invece sono state le parole del neo dirigente del commissariato di polizia di Sciacca, il vice questore Salvatore Siragusa .

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento