Ordine degli Architetti, Cimino: "In un anno di lavoro tanti traguardi"

I vertici della categoria si riuniscono per un brindisi dopo dodici mesi dal rinnovo dell'organismo

Un momento dell'incontro dell'Ordine degli architetti

Un anno fa l'Ordine degli architetti ha rinnovato i suoi vertici. Sabato sera il presidente Alfonso Cimino con il vicepresidente Giuseppe Grimaldi, il segretario Giuseppe Lalicata e i consiglieri Roberto Campagna, Franco Romano, Calogero Giglia, Giacomo Cascio, Lorenzo Violante, ha incontrato per un saluto e un ringraziamento i delegati all’ottava edizione del congresso nazionale degli architetti, alla presenza del vicepresidente nazionale del consiglio nazionale Rino La Mendola.

"E’ stato un anno interessante - ha commentato Cimino - e per questo ringrazio i colleghi che ci hanno accordato la loro fiducia e le segretarie dell’Ordine che hanno supportato il nostro lavoro con entusiasmo e professionalità. Un anno importante, perché abbiamo lavorato tanto su due aspetti fondamentali: la valorizzazione della figura dell’architetto e la presenza degli architetti sul territorio".

Giuseppe Grimaldi, vicepresidente dell'Ordine, ha aggiunto: "Uno degli aspetti più importanti è rappresentato dalla scelta dei delegati insieme ai quali abbiamo composto un documento che inizialmente riguardava le problematiche della nostra provincia (centri storici, strumenti urbanistici, infrastrutture, …) talmente di livello e di qualità, da essere adottato dalla Consulta regionale degli Architetti e discusso durante il Congresso nazionale a Roma. Agrigento, in questo senso, dimostra che nonostante faccia parte dei 105 Ordini italiani, è un punto di riferimento". 

Così Giuseppe Lalicata, segretario dell’Ordine di Agrigento e componente del gruppo nazionale sulla Semplificazione: “Insieme con il Consiglio, stiamo svolgendo una serie di attività che mirano a rilanciare la figura dell’architetto".

Roberto Campagna, consigliere e responsabile del Dipartimento Protezione civile, invece, ha commentato: “Quest’anno abbiamo rilanciato il dipartimento della Protezione civile del quale fanno parte cinquanta volontari architetti che saranno impegnati sul campo per i progetti di prevenzione nei centri storici, a partire da Favara nel prossimo mese di settembre". 

Franco Romano, consigliere dell’ordine e componente dell’Osservatorio nazionale sui Lavori pubblici: “Nel corso di quest’anno, sono state organizzate varie iniziative a livello provinciale e nazionale che hanno coinvolto l’Ordine e me personalmente, con l’Osservatorio nazionale sui Lavori pubblici che si occupa dello studio dei bandi a livello nazionale".

Calogero Giglia, consigliere: “Questo Consiglio dell’Ordine e questo Presidente in un anno intenso di lavoro si sono create le basi di un ottimo lavoro nel territorio, con le istituzioni ed in particolare con l’ufficio della Curia".

Giacomo Cascio, consigliere: “Questa è la mia prima esperienza in qualità di consigliere. Credo sia necessario lavorare, cercare supporto nei colleghi come è stato fatto con il documento redatto dai delegati e presentato al Consiglio nazionale”.

Lorenzo Violante, consigliere: “E’ stato un anno intenso e andremo avanti, collegandoci al tema principale del Congresso nazionale degli Architetti: la rigenerazione dei centri urbani, delle città e dei centri storici". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

  • Mette in vendita i mobili e le rubano 1.050 euro dal bancomat: ecco la nuova truffa

  • "Sesso orale con due allievi minorenni", istruttore di tennis riprova a patteggiare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento