Cronaca

Aragona, fine del progetto "Prevenzione della Corruzione 2.0"

Si svolgerà giovedì 14 maggio, alle 10, nella palestra dell'Istituto professionale "Enrico Fermi" di Aragona, alla presenza del prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, e delle massime autorità civili e militari della provincia di Agrigento, il convegno-dibattito di conclusione del progetto

Si conclude il progetto "Prevenzione della Corruzione 2.0 - Andare oltre l’adempimento": giunge alle battute finali il programma di formazione, ideato dal segretario generale del Comune di Aragona, Michele Iacono.

Si svolgerà, infatti, giovedì 14 maggio, alle 10, nella palestra dell’Istituto professionale “Enrico Fermi” di Aragona, alla presenza del prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, e delle massime autorità civili e militari della provincia di Agrigento, il convegno-dibattito di conclusione del progetto.

La mattinata sarà caratterizzata da diversi interventi finalizzati ad illustrare il percorso formativo realizzato, divulgare l’esito dei test sulla percezione della corruzione somministrati all’intero Istituto scolastico, premiare i vincitori  del concorso di idee bandito dall’Istituto ed attribuire il credito formativo agli studenti.

Il progetto, indirizzato ad accrescere nella popolazione scolastica interesse ed a sollecitare attenzione e radicare valori civici, è stato realizzato nell’ambito del Piano triennale della Prevenzione della corruzione del Comune di Aragona, in collaborazione con l’Istituto professionale “E. Fermi” e la Prefettura di Agrigento.

«Si è trattato – ha commentato il sindaco di Aragona Salvatore Parello - di un articolato percorso formativo e di sensibilizzazione, realizzato attraverso la divulgazione delle norme del sistema anticorruzione e le testimonianze di esperienze di vita vissute dai rappresentanti della società civile e delle Istituzioni, puntando a sollecitare l’attenzione dei partecipanti, alunni e dipendenti pubblici, sui valori del vivere civile e sull’idea che nessuno può considerarsi estraneo alla lotta contro il malaffare».

Il progetto, che  ha avuto un suo primo importante step con il convegno dal titolo: "Corruzione: scegliere da che parte stare. E sostenerne i costi",  ha visto le importanti testimonianze di uomini impegnati in prima linea nella lotta alla corruzione come il  presidente della Commissione regionale antimafia, Nello Musumeci, e lo chef Natale Giunta.   

Il progetto, inoltre, ha visto la partecipazione, con incontri formativi diretti caratterizzati da dialogo e dibattito, di autorevoli  rappresentanti della Prefettura di Agrigento, della Questura di Agrigento, del Comando provinciale dell’Arma dei carabinieri, del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Agrigento, della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle, dell’ Ufficio scolastico provinciale di Agrigento e della società civile in generale che, con la loro diretta testimonianza, sono riusciti a catturare l’attenzione dei partecipanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aragona, fine del progetto "Prevenzione della Corruzione 2.0"

AgrigentoNotizie è in caricamento