rotate-mobile
Udienza preliminare / Aragona

Massacrato dal branco per campanilismo, in 9 dal gup

Gli imputati avrebbero picchiato selvaggiamente un diciottenne, provocandogli fratture e gravi traumi, per un banale litigio scaturito dalla rivalità fra Aragona e Comitini: strategie processuali diverse per i giovani coinvolti

Massacrato a calci e pugni dal branco per un banale litigio dovuto a campanilismo fra Aragona e Comitini: a farne le spese un ragazzino di 18 anni selvaggiamente picchiato da nove giovani che lo hanno lasciato per terra dopo avergli rotto gli occhiali e provocato fratture e gravi traumi.

Per quel brutale pestaggio, avvenuto nella notte fra il 25 e il 26 settembre del 2021 in piazza Umberto I, ad Aragona, piazza principale del paese, il pubblico ministero Cecilia Baravelli ha chiesto 9 rinvii a giudizio e gli imputati hanno scelto strategie processuali diverse. Si tratta di: Davide Rotulo, 27 anni; Vincenzo Di Giacomo, 21 anni; Antonio Palermo, 19 anni; Gabriele Cipolla, 20 anni; Alfonso Rotolo, 21 anni; Salvatore Gaziano, 21 anni, Gianluca Rizzo, 20 anni; Marco Marrella, 20 anni e Raimondo Emanuel Farruggia, 21 anni.

L'accusa a carico di tutti gli imputati è di lesioni aggravate, il solo Gaziano è accusato di danneggiamento per avere distrutto gli occhiali allo studente prendendolo a calci in faccia. Rotulo e Di Giacomo non hanno scelto riti alternativi: sarà quindi il giudice Stefano Zammuto a decidere, all'udienza dell'11 luglio, se disporre il rinvio a giudizio.

Rizzo e Farruggia hanno chiesto il rito abbreviato: ci sarà, quindi, un processo "allo stato degli atti", sulla base delle prove già acquisite e l'eventuale pena sarebbe ridotta di un terzo. Anche per loro il procedimento è stato aggiornato all'11 luglio.

Tutti gli altri hanno scelto la messa alla prova ovvero lo svolgimento di un periodo di lavoro socialmente utile al termine del quale, se superata la prova in maniera corretta, vedranno estinto il reato. La loro posizione sarà esaminata il 3 ottobre.

Il litigio fra la presunta vittima e il "branco", durante un sabato sera nella piazza della movida, sarebbe scaturito dal campanilismo ovvero, secondo la ricostruzione della vicenda, il ragazzino sarebbe stato preso in giro perchè comitinese. Da lì una serie di battibecchi fino alle minacce e al brutale pestaggio in 9 contro uno.

Il ragazzino sarebbe stato scaraventato a terra e colpito con calci e pugni al volto. Il giovane ha riportato fratture e lesioni ossee a entrambe le mani oltre a gravi traumi a cranio, torace e addome ed ecchimosi diffuse. Le lesioni furono refertate dai medici con una prognosi di trenta giorni. Il primo a colpirlo, secondo quanto denunciato dal giovane, sarebbe stato Gaziano, a seguire Rotolo e tutti gli altri che avrebbero infierito - è l'atto di accusa del pm - mentre si trovava a terra colpendolo ripetutamente anche per impedirgli di rialzarsi.

Gli imputati, attraverso i loro difensori (fra gli altri gli avvocati Alfonso Neri, Gianluca Sprio, Ninni Giardina, Raimondo Cipolla, Andrea Liguori e Giacomo La Russa) hanno formalizzato la loro strategia processuale e il procedimento si è diviso in tre tronconi. Il ragazzino, intanto, si è costituito parte civile con l'assistenza dell'avvocato Graziella Vella. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massacrato dal branco per campanilismo, in 9 dal gup

AgrigentoNotizie è in caricamento