menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La miniera "Taccia Caci" appartenuta alla famiglia Pirandello

La miniera "Taccia Caci" appartenuta alla famiglia Pirandello

Rilanciare Aragona nei "Percorsi pirandelliani", giunta al lavoro per valorizzare i "tesori"

Il Comune sta pensando ad un progetto che includa la miniera "Taccia Caci", ma anche alcuni edifici all'interno del paese appartenuti all'interno del paese

Aragona farà richiesta per entrare a far parte dei "Percorsi pirandelliani". Nel paese delle Maccalube, riserva chiusa perché sotto sequestro, si studiano infatti nuovi modi per ravvivare il turismo, cercando di sfruttare il "tesoro" al proprio interno, come il parco minerario inaugurato e poi subito chiuso e mai valorizzato, nonostante la sua grande storia della quale fa parte anche Luigi Pirandello, la cui famiglia era proprietaria.

L'occasione nella quale è stato proposto il progetto di inserimento all'interno dell'itinerario turistico dei "Percorsi pirandelliani" è stata quella della conferenza in occasione del centocinquantesimo anniversario della nascita dello scrittore premio Nobel, al quale oltre al sindaco di Aragona Giuseppe Pendolino, ha partecipato anche il direttore del parco archeologico della Valle dei Templi, Giuseppe Parello, aragonese. Proprio da quest'ultimo è arrivata la proposta di lavorare affinché si arrivi a inserire Aragona all'interno del grande progetto dei percorsi pirandelliani, un'iniziativa regionale a cui sta già lavorando il Comune di Agrigento.

Gli uffici comunali e gli esperti sul tema, intanto, si sono già messi al lavoro per redarre uno schema che includa la miniera di Taccia Caci e gli edifici all'interno del paese di proprietà della famiglia Pirandello. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento