rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Soccorsi / Aragona

L'incendio abitazione di Aragona, madre e figlio in condizioni critiche: il 53enne trasferito all'ospedale "Cannizzaro"

La pensionata novantatreenne è stata ricoverata in Terapia intensiva al "San Giovanni di Dio" di Agrigento. Il suo quadro clinico è gravissimo e la prognosi sulla vita viene mantenuta riservata

La pensionata novantatreenne è stata ricoverata in Terapia intensiva all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento. Il suo quadro clinico è gravissimo e la prognosi sulla vita viene mantenuta riservata dai medici. Il figlio, cinquantatreenne, è stato invece trasferito - con l'elisoccorso del 118 - dal presidio ospedaliero di contrada Consolida all'ospedale "Cannizzaro" di Catania. Entrambi sono rimasti gravemente intossicati, oltre che ustionati agli arti, dal fumo che si è sprigionato a causa dell'incendio della loro abitazione. 

Stufa troppo vicina al divano: scoppia l'incendio in un'abitazione: salvati madre e figlio

Madre e figlio, salvati dai vigili del fuoco del comando provinciale che erano già ad Aragona per un altro intervento, sono stati trascinati fuori dalla residenza di via Maggiordomo proprio dai pompieri che si sono adoperati anche nella rianimazione dei due congiunti. Subito sono stati portati all'ospedale di Agrigento dove i medici del pronto soccorso hanno appurato la gravità dell'intossicazione da fumo. L'anziana è stata immediatamente ricoverata in Terapia intensiva, è, purtroppo, in condizioni critiche. Durante la notte, alle tre circa, il figlio si è aggravato e i medici del "San Giovanni di Dio" ne hanno disposto il trasferimento in una struttura meglio attrezzata: il "Cannizzaro" di Catania. Anche il suo quadro clinico viene ritenuto assai grave. 

Pochi i dubbi sul fatto che il rogo sia divampato dalla stufa a gas che era stata posizionata vicino al divano dove, forse, si trovava il cinquantatreenne. L'anziana, invece, forse, era a letto. Madre e figlio, ad un certo punto, hanno provato a mettersi in salvo, ma il fumo dentro le mura di casa era troppo. A richiedere l'intervento dei soccorsi sono stati alcuni vicini di casa che, all'improvviso, hanno sentito un botto. A scoppiare è stato il condizionatore e poi sono esplosi anche i vetri dell'abitazione. 

Scoppia incendio in un'abitazione, salvi madre e figlio

Al lavoro, quasi per l'intera notte, anche i carabinieri della stazione di Aragona che sono coordinati dal luogotenente cariche speciali Paolino Scibetta che, non appena acquisita la segnalazione, è giunto subito in via Maggiordomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'incendio abitazione di Aragona, madre e figlio in condizioni critiche: il 53enne trasferito all'ospedale "Cannizzaro"

AgrigentoNotizie è in caricamento