rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Aragona

"Assenteismo al Comune di Aragona", decise tre condanne

I giudici infliggono un anno e dieci mesi di reclusione a Salvatore Bellanca e Alfonso Galluzzo; un anno e sei mesi ad Angelo Buscemi

In giro per il paese durante l’orario di servizio, talvolta usando anche l’auto del Comune di Aragona. Le giustificazioni degli imputati (“ci occupavamo di servizi esterni, per questo stavamo fuori”) non sono servite: i giudici della seconda sezione penale hanno condannato tre impiegati, accusati di truffa e peculato.

La sentenza è stata letta poco prima delle 17,30 dal presidente del collegio Luisa Turco. Un anno e dieci mesi di reclusione sono stati inflitti al dirigente del nono settore Salvatore Bellanca e all’impiegato Alfonso Galluzzo. Un anno e sei mesi a un altro dipendente, Angelo Buscemi. 

Il pubblico ministero Alessandra Russo aveva chiesto la condanna di tutti i tre imputati a due anni e sei mesi di reclusione per le accuse di truffa e peculato.

L’indagine è partita nel 2011 da un esposto anonimo e ha portato al pedinamento degli impiegati che sono stati sottoposti pure a intercettazioni video. “Abbiamo seguito Bellanca e Galluzzo – avevano raccontato in aula i poliziotti della Digos che hanno svolto le indagini – e ci siamo accorti che uscivano dall’ufficio, andavano al bar per un quarto d’ora, poi facevano giri a spasso per il paese”.

Gli stessi imputati, difesi dagli avvocati Leonardo Marino e Diego Costanza, intervenendo durante il processo con dichiarazioni spontanee, hanno replicato: “Il nostro ordine di servizio prevedeva che ci occupassimo di lavorare all’esterno anche per parlare con assessori, fontanieri e operai”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Assenteismo al Comune di Aragona", decise tre condanne

AgrigentoNotizie è in caricamento