Venerdì, 17 Settembre 2021

Ritardi nell'avvio dell'assistenza agli studenti disabili, i genitori: "Rivendichiamo il diritto di istruzione per i nostri figli”

A lanciare il grido di allarme sono Stella e Mirella che dai microfoni di AgrigentoNotizie chiedono un intervento urgente dell'amministrazione comunale

Il nuovo anno scolastico inizierà con un vecchio disagio per i familiari degli alunni con disabilità che frequentano le aule delle scuole dell'infanzia, primaria e secondaria di primo grado della città di Agrigento. Nello specifico, dal Comune non sarebbe stato programmato in tempi utili, il servizio di assistenza all'autonomia e alla comunicazione degli studenti. A lanciare il grido di allarme sono Stella e Mirella che dai microfoni di AgrigentoNotizie chiedono un intervento urgente dell'amministrazione comunale. Entrambe sono mamme di ragazzi che frequentano due differenti istituti scolastici della città.

“E' un diritto riconosciuto dalla legge, chiedo – dice Stella Butera - che anche mio figlio possa frequentare la scuola come tutti gli altri”. “Domani inizia la scuola – dice invece Mirella Piparo – questi bambini saranno scoperti dal servizio e mi chiedo come mai nel 2021 noi genitori siamo costretti a dovere lottare per rivendicare un nostro diritto, siamo stanchi”.

Nelle more dell'avvio del servizio di assistenza, le due mamme anticipano che proveranno comunque a portare i figli a scuola, ma dovranno anticipare l'orario di uscita e di frequenza dalle attività didattiche per i propri figli che, in assenza di un professionista dedicato e con la sola presenza dell'insegnante di sostegno, non potranno comunque rispettare l'ordinario orario quotidiano delle lezioni.

Si parla di

Video popolari

Ritardi nell'avvio dell'assistenza agli studenti disabili, i genitori: "Rivendichiamo il diritto di istruzione per i nostri figli”

AgrigentoNotizie è in caricamento