Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Violenze a Licata, l’appello dei carabinieri: "Serve il contributo di tutti per il riscatto sociale”

Il comandante provinciale dell’Arma, il colonnello Vittorio Stingo, è tornato a chiedere la cooperazione della società civile nel processo di contrasto ai diffusi episodi di illegalità

 

“Le forze di polizia e le istituzioni che iniziano a dialogare per evidenziare il disagio sociale ed arrestare la piaga, cercando di capire qual è il reale malessere e come risolverlo. Perché il disagio sociale che è diffuso a Licata è dovuto ad una molteplicità di fattori che vanno dalla disoccupazione alla non frequentazione della scuola, ormai da diversi mesi,  di molti ragazzi che stanno per strada e da un diffuso utilizzo di sostanze stupefacenti". E' con queste parole che il comandante provinciale dell'Arma dei carabinieri, il colonnello Vittorio Stingo, ha analizzato quanto sta avvenendo - da tempo ormai - a Licata. 

Aggredirono ex assessore e coinvolti nelle torture ai disabili: arrestati due minorenniAggredirono ex assessore e coinvolti nelle torture ai disabili: arrestati due minorenni
Aggredirono ex assessore e coinvolti nelle torture ai disabili: arrestati due minorenni

"Bisogna considerare proprio anche il diffuso uso di sostanze stupefacenti da parte di ragazzi sempre più giovani come dodicenni o tredicenni che si fermano a fumare e assumere anche sostanze più pesanti. Noi non dobbiamo soltanto arrestare e bloccare ma vogliamo - ha evidenziato il colonnello Stingo - curare e per farlo dobbiamo essere tutti insieme con le istituzioni: la chiesa i cittadini e la stampa per riuscire a veicolare un messaggio di positività e giungere ad un miglioramento di crescita sociale”. 

Fuoco ai capelli di un disabile e sigarette spente addosso: 14enni incastrati dai video

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento