menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ignazio Cutrò

Ignazio Cutrò

Carcere duro ai boss, l'appello della Cgil: "Restituire scorta a Ignazio Cutrò"

Il segretario Massimo Raso ha scritto al Ministero dell'Interno e al prefetto di Agrigento, Dario Caputo

Restituire la scorta all'imprenditore testimone di giustizia, Ignazio Cutrò. È questo l'appello che torna a lanciare il segretario generale della Cgil Agrigento, Massimo Raso, che ha scritto al Ministero dell'Interno e al prefetto di Agrigento, Dario Caputo.

"Torniamo ad occuparcene perché riteniamo, alla luce di alcune novità,  particolarmente grave il fatto che allo stesso sia senza un livello di protezione adeguato ai rischi che corre", scrive Raso, riferendosi all'intercettazione del 6 febbraio 2014 tra Giuseppe Nugara, ritenuto a capo della famiglia di San Biagio Platani, ed un allevatore del posto. “Appena lo Stato si stanca… che gli toglie la scorta poi vedi che poi…”, questo avrebbe detto Nugara, riferendosi a Cutrò.

"Oggi Cutrò è senza scorta, - prosegue Raso - e da tempo porta avanti una battaglia affinché tutta la sua famiglia torni ad essere protetta e non solo la sua persona. Nel frattempo apprendiamo che il capomafia di San Biagio Platani Giuseppe Nugara, cioè la persona che intercettata dai carabinieri nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta ‘Mafia della Montagna’, risulta essere destinatario in carcere della misura speciale del 41 bis insieme ad altri esponenti di spicco della mafia agrigentina fra i quali Giuseppe Spoto reggente della famiglia mafiosa di Bivona. Il ministro di Grazia e Giustizia ritiene che queste persone siano pericolosissime e pertanto ha disposto per loro il regime del carcere duro”.

"Si tratta di fatti che, a nostro giudizio, - aggiunge Raso - debbono indurre a rivedere la decisione assunta e a ripristinare un adeguato livello di protezione e sicurezza a Cutrò ed alla sua Famiglia. Ignazio Cutrò, peraltro, non si è limitato ad essere un testimone di giustizia ma, da quel momento, ha intrapreso una battaglia culturale e civile che lo vede presente nel territorio a dare coraggio e ad esortare altri Imprenditori e commercianti ad intraprendere la via della collaborazione e della denuncia. Anche per questo sarebbe un bel segnale vedere che uno Stato che non dimentica ma anzi difende e valorizza le scelte di chi decide di non soccombere alla violenza mafiosa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento