rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024

Ottantasette anni fa la consegna del premio Nobel a Luigi Pirandello, il sindaco Miccichè: "Innovativo ed ironico"

Era l’8 novembre del 1934 a Luigi Pirandello veniva consegnato il Premio Nobel per la letteratura. Sono passati 87 anni da quello storico avvenimento che portò il nome di Agrigento sotto i riflettori del mondo.

“Pirandello è stato uno scrittore innovativo, dirompente, geniale ed ironico - ha detto il sindaco della città dei templi Francesco Miccichè - perché autore senza confini e senza tempo che ha sovvertito lo spazio teatrale dando vita al teatro nel teatro”. 

Pirandello trasse dalla sua terra gran parte della sua ispirazione: e fu proprio lì che riuscì a raccontare, con un’assoluta capacità, “la solitudine e l’incomunicabilità, il relativismo e l’impossibilità di conoscere la verità, il rapporto tra finzione, apparenza e realtà, tra maschere e volto”. Ed è di una verità sconvolgente la sua teoria secondo chi gli indivudui portano “una maschera per la società, una per la famiglia e una per il lavoro”.

“La vera solitudine – scriveva Pirandello – è in un luogo che vive per sé, e che per voi non ha traccia né voce, e dove dunque l’estraneo siete voi”.

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento