Ancore litiche e lingotti plumbei: nuovi rinvenimenti a San Leone

Le acque del quartiere balneare si stanno rivelando uno scrigno ricco di tesori: l'elevato numero di reperti in un’area così ristretta induce a pensare di essere in presenza di un vero e proprio approdo

Il mare di San Leone è uno scrigno ricco di tesori. Sono state rinvenute altre ancore litiche e lingotti plumbei di chiaro interesse archeologico. A localizzare i reperti è stato Francesco Urso del gruppo subacqueo di BCsicilia. L'area del rinvenimento è la stessa in cui lo scorso mese di giugno era stata rinvenuta un’altra ancora litica. Complessivamente allo stato attuale sono state rinvenute cinque ancore litiche e due lingotti plumbei.

"Il rinvenimento assume particolare importanza in quanto il numero elevato di reperti in un’area così ristretta induce a pensare che siamo in presenza di un vero e proprio approdo" - rendono noto dalla BCsicilia - . Del ritrovamento è stata avvertita la Soprintendenza del Mare che intuita l’importanza della scoperta ha previsto un sopralluogo per domani con proprio personale in stretta collaborazione con i sub di BCsicilia.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento