Ancore litiche e lingotti plumbei: nuovi rinvenimenti a San Leone

Le acque del quartiere balneare si stanno rivelando uno scrigno ricco di tesori: l'elevato numero di reperti in un’area così ristretta induce a pensare di essere in presenza di un vero e proprio approdo

Il mare di San Leone è uno scrigno ricco di tesori. Sono state rinvenute altre ancore litiche e lingotti plumbei di chiaro interesse archeologico. A localizzare i reperti è stato Francesco Urso del gruppo subacqueo di BCsicilia. L'area del rinvenimento è la stessa in cui lo scorso mese di giugno era stata rinvenuta un’altra ancora litica. Complessivamente allo stato attuale sono state rinvenute cinque ancore litiche e due lingotti plumbei.

"Il rinvenimento assume particolare importanza in quanto il numero elevato di reperti in un’area così ristretta induce a pensare che siamo in presenza di un vero e proprio approdo" - rendono noto dalla BCsicilia - . Del ritrovamento è stata avvertita la Soprintendenza del Mare che intuita l’importanza della scoperta ha previsto un sopralluogo per domani con proprio personale in stretta collaborazione con i sub di BCsicilia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento