menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Anche a Raffadali un istituto di scuola superiore

Anche a Raffadali un istituto di scuola superiore

Anche a Raffadali un istituto di scuola superiore

Col nuovo anno scolastico aprirà una sezione distaccata dell'istituto d'arte "Bonachia" di...

Sembra ormai certo che, sin dal prossimo anno scolastico (2012-2013), Raffadali possa ospitare un istituto di scuola superiore. Si tratta di una sezione distaccata dell’istituto statale d’Arte “Bonachia” di Sciacca, l’unico ad operare nella provincia di Agrigento. Alcune settimane addietro, la giunta comunale raffadalese, aveva approvato una delibera con la quale si autorizzava l’apertura della sezione distaccata. Nella delibera si indicavano inoltre anche i locali idonei, nel plesso “Manzoni” che fino al 2006, aveva ospitato la scuola elementare, dando inoltre ampio mandato all’ufficio tecnico di espletare tutti gli atti burocratici e tecnici per rendere fruibili i locali.

“È stato – ci ha confermato il sindaco Silvio Cuffaro – il naturale confluire di due interessi convergenti. Da un lato la necessità e l’urgenza della scuola saccense di aumentare il numero degli studenti iscritti, attualmente inferiore a 500, allo scopo di scongiurare un accorpamento. Dall’altro lato la voglia e la nostra aspirazione di ospitare un istituto superiore nel nostro comune, che potrebbe avere ricadute positive sul nostro territorio, sotto molteplici aspetti, non ultimo quello economico”.

Da questo momento però inizia una corsa contro il tempo allo scopo di rendere agibili e fruibili i locali ristrutturati dell’ex plesso Manzoni, chiuso a causa di una accertata instabilità statica. In questi anni sono stati portati a compimento i lavori di messa in sicurezza, ma rimangono ancora da compiere tutti i lavori di ultimazione. A questo scopo si sta impegnando l’assessore ai servizi scolastici Giuseppe Sicurello che confida nel buon esito della conclusione dei lavori, in tempo per il nuovo anno scolastico.

“Già nei prossimi giorni - ha spiegato Sicurello – provvederemo ad iniziare i lavori con gli operai del comune, mentre è nostra intenzione chiedere un prestito per portare a compimento tutte le opere necessarie. Per noi è molto importante poter ospitare un istituto superiore che si va ad aggiungere ai tre istituti comprensivi già esistenti (dall’Infanzia fino alla media), completando così il ciclo dell’offerta formativa obbligatoria. Per il primo anno – continua l’assessore - si prevede una presenza di circa 140 studenti, molti dei quali pendolari, e una presenza di 15 docenti al giorno. È annunciata inoltre l’apertura di diversi laboratori (artistico, di plastica, informatico linguistico ecc.) che serviranno a creare nuove opportunità di lavoro. Potranno infatti nascere nuove botteghe artigiane (ceramisti e altro) e far scoprire nuove vocazioni lavorative. Noi come politici vogliamo offrire questa opportunità al nostro territorio e tutto il comprensorio”.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento