Cronaca

Altre due auto rigate fra il centro e San Leone, c'è un "maniaco" del chiodo in giro?

Alla vettura lasciata posteggiata in piazzale Caratozzolo sono stati rubati anche lo specchietto laterale e l'antenna radio

C’è un “maniaco” del chiodo in giro per la città? O si tratta di danneggiamenti mirati ai proprietari delle autovetture? Non si tratta di interrogativi semplici, ai quali si può rapidamente dare una risposta. Ma i poliziotti della sezione Volanti della Questura – dopo aver raccolto le denunce a carico di ignoti – ci stanno lavorando e stanno, appunto, cercando di capire. Dopo il danneggiamento dell’auto di proprietà di un impiegato in via Esseneto, sono stati denunciati un furto aggravato, con danneggiamento, in piazzale Caratozzolo a San Leone e un danneggiamento in via Plebis Rea. Tranne che per piazzale Caratozzolo, dove appunto è stato messo a segno anche un furto, il modus operandi sembra essere sempre identico. Ecco perché non viene escluso che possa esserci un “maniaco” del chiodo. Fra l’altro, nelle passate settimane, s’è registrato un raid della stessa maniera anche a Maddalusa ai danni dell’auto di un bancario.

Gli ultimi due episodi denunciati hanno riguardato la Fiat Panda, parcheggiata in piazzale Caratozzolo a San Leone, di un ventiduenne e la Seat Ateca, lasciata sul ciglio di via Plebis Rea, di un trentaduenne. Mentre in quest’ultimo caso, il delinquente che ha agito ha rigato praticamente quasi l’intera carrozzeria della vettura, in piazzale Caratozzolo, dalla Fiat Panda sono stati rubati lo specchietto laterale e l’antenna radio. Il proprietario della macchina ha trovato però l’intero portellone della macchina rigato. Stessa cosa, grosso modo, era avvenuto anche ai danni della Fiat Panda posteggiata in zona campo sportivo Esseneto. Questo danneggiamento si è registrato nella stessa, identica, zona dove era stato messo a segno il danneggiamento e il tentato furto ai danni della scuola dell’infanzia Esseneto. “Servono più controlli, serve una maggiore presenza delle forze dell’ordine in giro per la città” – ieri, sui social, recriminavano molti agrigentini - . I poliziotti della sezione Volanti della Questura, oltre a raccogliere le denunce a carico di ignoti, si stanno appunto occupando delle indagini e hanno già verificato – si tratta di un passaggio investigativo di routine – la presenza o meno di eventuali impianti di videosorveglianza, pubblici o privati, nei luoghi dove si sono registrati questi danneggiamenti di auto. Ma non è la prima volta che in città, o anche in provincia, si verificano fatti di questo genere. Basta uno screzio di qualsiasi genere per “vendicarsi” sull’autovettura del “nemico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altre due auto rigate fra il centro e San Leone, c'è un "maniaco" del chiodo in giro?

AgrigentoNotizie è in caricamento