"Violenza sessuale e false attestazioni sull'identità": arrestato un 43enne

I poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito un ordine di carcerazione. Bloccato anche un tunisino che è rientrato, dopo che era già stato destinatario di espulsione, a Lampedusa

(foto ARCHIVIO)

Violenza sessuale e falsa attestazione a pubblico ufficiale sull'identità personale. I poliziotti della Squadra Mobile hanno, nelle ultime ore, eseguito un ordine di carcerazione a carico di M. A., marocchino di 43 anni. L'uomo, dopo le formalità di rito, è stato portato alla casa circondariale "Di Lorenzo". 

Arresto, ma per un motivo diverso, anche un tunisino che è tornato illegalmente, attraverso la frontiera marittima di Lampedusa, sulla più grande delle isole Pelagie. I poliziotti della Squadra Mobile hanno arrestato S. M., tunisino di 26 anni, già destinatario di decreto di espulsione emesso dal prefetto di Agrigento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento