Incendiato il furgone di un'agenzia funebre, sequestrata la bottiglia dell'attentato

Il contenitore è stato ritrovato accanto al Fiat Doblò devastato dalle fiamme. La polizia ha già avviato le indagini per cercare di identificare l'autore del gesto

(foto archivio)

Non ci sono dubbi. Non questa volta, almeno. E questo perché accanto al Fiat Doblò, incendiato durante la notte fra martedì e ieri, nel rione di Villaseta, la polizia ha trovato – e posto sotto sequestro – una bottiglia incendiaria. Qualcuno, senza essere visto, né tantomeno sentito, poco prima delle 3, ha appiccato il fuoco al mezzo di proprietà di un’agenzia di pompe funebri. Scattato l’allarme, in via Fosse Ardeatine, nel rione periferico di Villaseta appunto, sono accorsi sia i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento che le pattuglie della sezione Volanti della Questura.

Il furgone, nonostante l’intervento tempestivo dei pompieri e il loro super lavoro, è andato distrutto. A nulla è servito, di fatto, provare a circoscrivere le fiamme che hanno invece, purtroppo, divorato ogni cosa. Spento l’incendio, i poliziotti della sezione Volanti si sono occupati del cosiddetto sopralluogo tecnico. Ma non c’è stato molto da verificare visto che, proprio nei pressi del Fiat Doblò vi sarebbe stata – questo emergeva ieri dagli ambienti investigativi – una bottiglietta contenente ancora tracce di liquido infiammabile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I poliziotti hanno, naturalmente, subito sentito il titolare dell’agenzia funebre, proprietario del mezzo, e hanno provato ad acquisire testimonianze dei residenti nella zona. Fitto il riserbo, naturalmente, su quanto – direttamente sul posto – è stato acquisito dagli investigatori. Appare scontato, fa parte della procedura investigativa iniziale ormai, che gli agenti abbiano verificato l’eventuale presenza di telecamere di video sorveglianza pubbliche o private per poi – se effettivamente presenti – procedere all’acquisizione dei filmati. Servirà del tempo, appare inevitabile, per fare chiarezza sull’accaduto e per provare ad identificare l’autore dell’attentato incendiario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento