menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tempio di Ercole

Il tempio di Ercole

"Tombaroli" in agguato? Arrivano le telecamere ad Eraclea Minoa e al tempio di Ercole

Il Parco archeologico ha impegnato 72.500 euro, predisposta la spesa di 80 mila euro anche per il ripristino della viabilità dell’area di Vulcano

Per l’area archeologica di Eraclea Minoa – dove, a fine agosto e prima ancora all’inizio di luglio, erano stati trovati degli scavi archeologici abusivi: opera verosimilmente di “tombaroli” – saranno una manna dal Cielo. Ma telecamere di video sorveglianza sono state previste anche per l’area del tempio Ercole. Ad impegnare i fondi necessari – ben 72.500 euro -, approvando anche il sistema di gara per la fornitura, l’installazione e la configurazione degli impianti di video sorveglianza è stato il Parco archeologico e paesaggistico Valle dei Templi di cui è direttore Roberto Sciarratta. Adesso, l’ente dovrà scegliere il contraente a cui affidare l’esecuzione dei lavori. E lo farà, utilizzando il criterio del prezzo più basso, attraverso la piattaforma informatica Mepa.

A fine agosto scorso, nell’area archeologica di Eraclea Minoa venne ritrovato uno scavo, neanche tanto profondo. Il segnale chiaro, inequivocabile, che qualcuno non soltanto s’era intrufolato ma che aveva anche provato a cercare reperti archeologici. E quello fu il secondo episodio nel giro di un mese e mezzo. Un nuovo fatto che confermava, ai carabinieri che si stanno occupando delle indagini, che l’area archeologica era stata presa di mira da dei “tombaroli”. Sia ad agosto che a luglio, dall'area archeologica non risultò mancare nulla. Ma emerse, e in maniera plateale, come fossero indispensabili le telecamere di video sorveglianza. Sia per prevenire il ripetersi di questi tentativi che per l’eventuale repressione di razzie di reperti archeologici. Cosa che, appunto, adesso il Parco archeologico sta facendo.

Ma per la sistemazione dell’intera area di Eraclea Minoa, sul quale il nuovo direttore: Roberto Sciarratta sembra voler puntare, l’ente ha predisposto un’altra spesa: ben 170 mila euro di cui quasi 137 mila euro a base d’asta. Il bando e il disciplinare di gara sono stati già approvati e, anche in questo caso, si farà affidamento alla piattaforma informatica Mepa per scegliere il contraente a cui affidare i lavori. Interventi che vanno ad aggiungersi a quelli per sostituire la copertura danneggiata del teatro di Eraclea Minoa e per effettuare delle specialissime analisi che consentano anche di redigere una mappatura del degrado delle strutture antiche del teatro e per avere piena conoscenza dello stato di conservazione dell’edificio: passaggio quest’ultimo ritenuto indispensabile per poter procedere alla progettazione di un nuovo sistema di copertura.

Ma c’è di più perché prima della fine dell’anno, il Parco archeologico di Agrigento ha approvato il sistema di gara e ha prenotato la spesa per il ripristino della viabilità dell’area del tempio di Vulcano. In questo caso, la spesa preventivata è di 80 mila euro, di cui 64.200 euro a base d’asta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento