menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bruciano le sterpi e le fiamme arrivano fino alle montagne di materiale: è di nuovo inferno in via Unità d'Italia

I vigili del fuoco sono già al lavoro, chiesti rinforzi perché il rogo ha trovato "terreno fertile" nei detriti abbandonati

Questa volta sono state le sterpaglie. Qualcuno - nessun dubbio sul fatto che il rogo sia doloso - ha appiccato la scintilla alle sterpi rinsecchite e il fuoco, propagandosi, è riuscito ad arrivare fino ai cumuli di macerie accatastati sul retro del magazzino che, nella notte del 15 giugno scorso, venne devastato da un rogo durato per giorni. Un incendio che ha comportato lo sgombero, in via precauzionale, di tutti gli inquilini del palazzo di via Unità d'Italia a Fontanelle.    

Brucia un magazzino di Fontanelle, pompieri al lavoro per salvare il palazzo: ecco le immagini

A bruciare, ancora una volta, sono i resti di plastica, legna e cartone. Le fiamme sono altissime e la puzzolente nube che si solleva ha, di fatto, "imprigionato" a casa i residenti della zona. Una nube tossica che sta mettendo, di fatto, a repentaglio la salute pubblica. Sul posto, già da un po', stanno lavorando i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. Ma serve personale perché pare che le fiamme, trovando "terreno fertile" in quel materiale accatastato e abbandonato, sono, ancora una volta, violente. Dalla centrale operativa del comando provinciale dei pompieri di Agrigento sono stati chiesti rinforzi e pare che stia arrivando, in supporto, - ci vorrà tempo naturalmente - una squadra da Palermo. Perché potrebbero anche esserci delle altre esigenze-emergenze.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento