menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Inchiesta "Bed & Babies": via vai di escort e transessuali per clienti anche anziani

I poliziotti della Squadra Mobile, da quando è partita l'inchiesta: era l'inizio del 2019, hanno documentato una cinquantina di accessi di persone dedite alla prostituzione

Cinquanta, forse più, le prostitute e transessuali che hanno utilizzato - stando a quanto è stato documentato, da quando all'inizio del 2019 è partita l'inchiesta, e reso ufficialmente noto dalla Squadra Mobile della Questura di Agrigento - quei tre mini-appartamenti. Tre immobili che, in via Saponara, avrebbero dovuto essere delle case-vacanza ma che in realtà venivano appunto utilizzati per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, stando all'accusa.

LA VIDEO INTERVISTA. La ricostruzione dell'intercettazione: "Affittiamo solo a gente selezionata"

"Chi si dedicava all'attività di meretricio - è stato ufficializzato durante la conferenz stampa svoltasi in Questura - arrivava per una settimana, esercitava e poi andava via. Il supporto logistico da parte degli indagati consisteva nell'andare a prendere le escort alla stazione e portarle fino all'appartamento che avrebbe temporaneamente occupato". 

Scoperte tre case d'appuntamento in via Saponara, arrestati marito, moglie e figlio

L'utenza è stata varia: sia in termini d'età (è stata documentata anche la presenza di anziani) che di professioni.

Ad insospettire i poliziotti della Squadra Mobile è stato il continuo via vai. Gli agenti, inizialmente, forse pensavano ad un giro di spaccio di stupefacenti. Si sono però ben presto resi conto che si trattava di altro. E quel via vai è risultato essere intollerabile anche per i vicini di casa che più volte hanno protestato.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento