menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Sfondano il finestrino e rubano le borse: furto su auto in pieno giorno

L'indignazione della donna derubata: “I balordi riescono ad agire indisturbati, alla luce del sole, infischiandosene della possibilità di essere visti”

Sfondano il finestrino di una macchina, lasciata parcheggiata lungo la salita Ignazio Lauria, e arraffano – senza essere visti, né tantomeno sentiti – due borse contenenti cellulari, documenti, effetti personali e denaro contante. Il tutto in pieno giorno, in quel triangolo del centro storico - una zona tanto nevralgica quanto complicata – fra via Empedocle, via Pirandello e piazza Ravanusella. A ritrovare i vetri dell’auto in frantumi, dopo aver partecipato ad un matrimonio, è stata una coppia di agrigentini. Sul posto, lanciato l’allarme, sono intervenuti proprio i carabinieri che, adesso, si stanno occupando delle indagini sul furto su auto. Attività investigativa indirizzata ad individuare l’autore, o gli autori, di un furto messo a segno praticamente in pieno centro: la macchina era molto vicina a via Empedocle e in piena luce del giorno.

“L'amarezza è davvero tanta, i soldi passino come sgradito omaggio, ma i ricordi, come la monetina di un rublo, la prima fototessera di mia figlia, le foto contenute nei cellulari, quelle no – ha commentato l’agrigentina che ha subito, assieme al marito, il furto sull’auto - . Se qualcuno avesse visto o sentito gradirei tanto che facesse un cenno, non perderebbe niente” – ha lanciato una sorta d’appello la donna - . Circa 24 ore dopo il furto, un residente di via San Francesco ha rinvenuto le borse ed ha chiamato la polizia. Sul posto, sono accorsi gli agenti della sezione Volanti della Questura. Pare che entrambe le borse fossero state lasciate appoggiate, anche in maniera ordinata, su uno scalino. C’era tutto all’interno, tranne i soldi – una trentina di euro circa – e i cellulari.

“I balordi riescono ad agire indisturbati in pieno giorno, alla luce del sole, infischiandosene della possibilità di essere visti” – ha commentato la donna - . I militari dell’Arma, ai quali è stata formalizzata la denuncia a carico di ignoti, hanno avviato, appunto, l’attività investigativa e hanno già verificato la presenza o meno di eventuali telecamere di video sorveglianza. Proprio le eventuali immagini, qualora esistenti, potrebbero dare un’accelerata alle indagini per identificare chi, ancora una volta, ha destabilizzato la serenità di quella porzione del centro storico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento