Sradicano piante e fiori, minori incastrati dalle telecamere: denunciati

I ragazzini, convocati assieme ai genitori, hanno chiesto scusa e hanno ricomprato tutto quello che era stato danneggiato

(foto ARCHIVIO)

Sono stati identificati grazie all’impianto di video sorveglianza presente nell’area dell’attiguo parcheggio. Sono due minorenni agrigentini – di 14 e 15 anni – gli autori del danneggiamento messo a segno fra Natale e Capodanno nell’atrio inferiore della stazione ferroviaria della città dei Templi. Ad identificarli e denunciarli, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni di Palermo sono stati gli agenti della polizia Ferroviaria. L’ipotesi di reato contestata è danneggiamento aggravato.

I due ragazzini avrebbero devastato i fiori e le piante sistemate nelle fioriere collocate nell’atrio inferiore, quello che ha i binari a pochi metri, della stazione. Dopo l’identificazione, gli agenti della Polfer hanno convocato i ragazzini e i loro genitori. I minorenni, mortificati, hanno chiesto scusa per l’episodio di vandalismo messo in atto. Le stesse famiglie, gente perbene, hanno ricomprato le piante e i fiori che i loro figli avevano danneggiato sradicando o tagliando. Verosimilmente, i ragazzi – in un momento di svago e divertimento – si erano scatenati trasformandosi in vandali. Sono stati però, nonostante il trascorrere dei giorni, identificati e convocati dalla Polfer. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sfonda il tetto del capannone e precipita da più di 10 metri: 29enne in gravi condizioni

  • Trova cellulare e lo consegna al Comune, finisce a processo per ricettazione: assolto

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • Grande Fratello, l'empedoclina Clizia Incorvaia: "Il bacio tra me e Scamarcio? C'è stato"

  • Maxi tamponamento lungo la statale 640: traffico in tilt

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento