Coronavirus e "fase3", la Valle dei Templi "scoppia di salute": oltre 9mila gli accessi

Il direttore Roberto Sciarratta: "Per avere un'idea, beni come il Colosseo hanno registrato circa 900 ingressi al giorno. Siamo quindi molto ottimisti rispetto al futuro"

(foto ARCHIVIO)

I segnali sono timidi, così come i numeri - in sè - non sono quelli che si potevano registrare non più di un anno fa. La crescita è però progressiva e fa ben sperare ancora per il futuro.

La Valle dei Templi, infatti, si presenta oggi come uno dei siti culturali con il maggior numero di accessi post Covid non solo in Sicilia, ma in proporzione anche nel resto del Paese. A giugno il Parco ha accolto oltre 9mila visitatori, 3522 dei quali dall’8 al 25 giugno, ovvero al di là della settimana di gratuità voluta dalla Regione ad inizio mese e un migliaio tra venerdì e domenica scorsi.

E' ufficiale, la Valle dei Templi è il primo sito archeologico "Covid Free"

"Per avere un'idea - dice il direttore Roberto Sciarrata - beni come il Colosseo hanno registrato circa 900 ingressi al giorno. Siamo quindi molto ottimisti rispetto al futuro. Al momento arrivano soprattutto visitatori singoli, tra cui alcuni stranieri, e sappiamo che c'è interesse anche dal Giappone per l'arrivo di gruppi organizzati".

Intanto domenica 5 luglio via all'accesso gratuito, che sarà comunque contingentato. Consigliata la prenotazione (https://bit.ly/PrimaDomenicadelMese).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento