menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Tornano dopo il respingimento": 4 tunisini ai domiciliari a Villa Sikania

Trasferiti in carcere, a Trapani, due marocchini che devono scontare delle pene residue

Altri quattro tunisini, già destinatari di decreti di respingimenti emessi dal questore di Agrigento, sono stati arrestati dai poliziotti della Squadra Mobile. I migranti sono stati posti agli arresti domiciliari, a disposizione dell’autorità giudiziaria, nel centro d’accoglienza Villa Sikania di Siculiana.

Non passa ormai giorno senza che, dopo gli sbarchi su Lampedusa o in provincia, i poliziotti della Squadra Mobile – che sono coordinati dal vice questore aggiunto Giovanni Minardi – non riescano a bloccare migranti “non desiderati” in Italia. Anche in quest’ultimo caso – gli arresti sono stati fatti domenica sera –, i quattro tunisini avevano a loro carico decreti di respingimento e divieti di reingresso nel territorio italiano e nell’area Schengen.

Alla piena identificazione dei migranti sbarcati, i poliziotti della Squadra Mobile arrivano attraverso le foto segnalazioni e il rilievo delle impronte digitali. Ad ogni sbarco, tutto viene inserito in quella che è ormai una gigantesca banca dati e le comparazioni, soprattutto delle impronte digitali, non possono permettere che nessuno la faccia franca. Anche se qualcuno, all’atto dell’identificazione, dovesse declinare un alias, ossia una generalità falsa, non servirà appunto a nulla. 

Appena poche ore prima, sempre gli agenti della Mobile avevano arrestato – sempre per lo stesso motivo – altri due tunisini, mentre in esecuzione di provvedimenti dell’autorità giudiziaria – la Corte d’appello di Venezia e il tribunale di Bologna nello specifico - avevano bloccato due marocchini.

Uno doveva scontare la pena di quasi 7 mesi e l’altro invece la pena di 5 mesi. I due marocchini di 36 e 27 anni sono stati portati, dopo le formalità di rito, nella casa circondariale di Trapani. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento