"Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

Dopo che la telefonata giunta al 112 è stata localizzata, i carabinieri del Radiomobile sono riusciti a ritrovare l’autovettura dell'uomo nella zona industriale

(foto ARCHIVIO)

Chiama il 112 e, forse nel tentativo di fare chiarezza su quello che da lì a poco voleva che accadesse, si sfoga: “Sono sposato e padre di figli. Non so dove trovare i soldi che mi sono preso dai clienti e che devo restituire. Credo che la migliore cosa, per me e per la mia famiglia, sia di farla finita”. Un annuncio che, di fatto, ha messo in allarme la sala operativa delle forze dell’ordine. Ma l’operatore è riuscito a far parlare l’uomo, che minacciava appunto di “farla finita”, fino a quando la cella telefonica alla quale quella chiamata s’era agganciata non è stata localizzata. Una corsa contro il tempo, anzi di più, per i carabinieri del nucleo Radiomobile della compagnia di Agrigento che sono riusciti a ritrovare l’autovettura e, di fatto, a salvare l’agrigentino.

Dopo che la telefonata è stata localizzata – arrivava dall’area industriale di Agrigento -, i carabinieri del Radiomobile hanno, e lo hanno fatto in maniera fulminea, iniziato a setacciare quel comprensorio che è a cavallo fra i territori di Agrigento, Favara ed Aragona. Individuata un’autovettura ferma al bordo della strada, i militari dell’Arma si sono, naturalmente, subito avvicinati. Ed effettivamente all’interno c’era un uomo – un quarantenne – ormai privo di conoscenza. Pare che avesse fatto in modo di far arrivare i gas di scarico fino all’interno dell’abitacolo dove si era appunto seduto. I carabinieri hanno aperto le portiere della macchina, hanno fatto uscire il gas della marmitta e hanno, naturalmente, immediatamente, contattato il 118.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie alla tempestività nell’intervento e alla prontezza di spirito, i due carabinieri – in servizio al Radiomobile della compagnia di Agrigento – hanno evitato la tragedia. Il libero professionista agrigentino è stato subito portato al pronto soccorso del vicino ospedale “San Giovanni di Dio” dove i medici lo hanno sottoposto a tutte le cure e gli accertamenti sanitari necessari. Il quarantenne, per fortuna, è fuori pericolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento