"Tentò di uccidere il padre con nove coltellate", condannato trentatreenne

Il giudice per le udienze preliminari ha riconosciuto, a seguito della perizia della psichiatra Cristina Camilleri, il vizio parziale di mente

Il Gup del tribunale di Agrigento, Luisa Turco, ha condannato a 4 anni e 4 mesi di reclusione Daniele Passarello: il trentatreenne che era stato arrestato il 10 gennaio del 2018 con l'accusa di tentato omicidio ai danni del padre. Genitore che sarebbe stato colpito con 9 coltellate. Il giudice per le udienze preliminari ha riconosciuto, a seguito della perizia della psichiatra Cristina Camilleri, il vizio parziale di mente. 

"Tentò di uccidere il padre con nove coltellate", vizio parziale di mente per l'imputato

La capacità di intendere e volere “è scemata ma solo parzialmente” - queste le conclusioni della psichiatra Cristina Camilleri che ha esaminato il trentatreenne. Il Pm Chiara Bisso aveva chiesto, a margine della sua requisitoria, la condanna a cinque anni di reclusione. L'imputato è stato rappresentato e difeso dall'avvocato Daniele Re. 

L’accoltellamento del padre accadde in via Santo Spirito, nel centro storico di Agrigento. L’episodio destò molto scalpore e suscitò grande allarme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Il Coronavirus fa paura: Licata +26 contagiati, altri 30 positivi a Ravanusa, 10 a Favara, 9 a Montevago e 7 a Sambuca

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento