menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una pattuglia di carabinieri durante un controllo (foto archivio)

Una pattuglia di carabinieri durante un controllo (foto archivio)

"Spaccio alla villa Bonfiglio", un arresto e una denuncia

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e quelli della stazione del Villaggio Mosè hanno effettuato, a partire dalla tarda serata di ieri e per quasi tutta la notte, un maxi controllo sulla movida

Un arresto e una denuncia. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e quelli della stazione del Villaggio Mosè hanno effettuato, a partire dalla tarda serata di ieri e per quasi tutta la notte, un maxi controllo sulla movida Agrigentina. L'obiettivo era uno: prevenire e reprimere i reati. 

Ad essere arrestato, secondo quanto rendono noto dalla compagnia dei carabinieri di Agrigento, per l'ipotesi di reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, è stato Giuseppe Nocera di 22 anni. Denunciato, alla Procura dei minorenni di Palermo, un minorenne, pure lui di Cammarata.

"I due - ricostruiscono i carabinieri con un comunicato stampa - sono stati bloccati all'interno della villa Bonfiglio. Eseguita la perquisizione personale sono stati trovati in possesso - proseguono i militari dell'Arma - di 17 grammi di marijuana, suddiva in 18 dosi confezionate. Durante la perqusizione domiciliare, nell'abitazione di Nocera, sono stati rinvenuti - sono ancora i carabinieri a rendere noti i dettagli dell'operazione - ulteriori 113 di marijuana e 5 grammi di hashish, nonché tutto il materiale vario per il confezionamento delle dosi. Durante una perquisizione - aggiungono i carabinieri - è stato, inoltre, denunciato alla Procura di Agrigento un cinquantacinquenne di Cammarata per omessa custodia di due fucili da caccia. Tutto il materiale e le sostanze stupefacenti sono state sequestrate".

Il ventiduenne è stato posto in regime di arresti domiciliari.

Nel corso del servizio è stata segnalata alla Procura di Agrigento una ventisettenne, M. S.. Dovrà rispondere dell'ipotesi di reato di guida in stato di ebbrezza. La donna è stata controllata, mentre era alla guida della sua autovettura, con etilometro ed è risultata positiva. Controllate, inoltre, 49 autovetture, identificate 85 persone ed effettuate 15 perquisizioni. Sottoposti all'esame dell'etilometro 25 agrigentini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento