“Compà, hai fumo? Un pezzo quanto costa?”: giovane chiede droga a un carabiniere

Il ragazzo avvicinando quello che gli sembrava un pusher ha spiegato anche che non aveva tanti soldi. Alla risposta negativa del militare ha continuato ad insistere: “Non è che sai dove posso trovare un po’ di fumo?”

(foto ARCHIVIO)

“Compà, hai fumo? Non ho tanti soldi. Un pezzo quanto costa?”. Parole, interrogativi che, in via Vallicaldi: nel centro storico di Agrigento, sono di “casa”. Domande che, però, questa volta, sono state rivolte – da un giovanissimo – niente di meno che ad un carabiniere. Un militare dell’Arma, in borghese, che era in giro di perlustrazione fra piazza Ravanusella e via Atenea. Il giovane, chiaramente non sospettando minimamente che quello fosse un carabiniere, ha avvicinato l’uomo e gli ha chiesto del “fumo”, spiegando anche che non aveva tanti soldi. A tamburo battente, il carabiniere ha risposto dicendo: “Non vendo droga!”. Il giovane, con nonchalance, ha continuato a chiedere: “Non è che sai dove posso trovare un po’ di fumo?”.

Il carabiniere è, naturalmente, uscito allo scoperto. Si è qualificato ed ha identificato subito il giovane: uno dei tanti consumatori di “roba” che – a qualsiasi ora del pomeriggio, della sera o della notte – si aggirano in quella che è ormai ritenuta la “centrale” dello spaccio: fra piazza Ravanusella e via Atenea, appunto, passando per tutte le viuzze e i cortili che vi si innestano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già da prima che venisse convocato, dal prefetto Dario Caputo, il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, l’attenzione delle forze dell’ordine era sistematica su quel triangolo di centro storico. Dopo il vertice però, convocato d’urgenza anche per evitare l’innescarsi di scontri e tafferugli fra immigrati di diversa etnia, carabinieri, polizia, Guardia di finanza e vigili urbani sono perennemente fra le vie Vallicaldi, Boccerie e Cannameli. E ad ogni perlustrazione o pattugliamento, che dir si voglia, non mancano gli arresti e le denunce, di extracomunitari per la maggior parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formiche in casa: rimedi naturali per eliminarle

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • "Feroce" rissa davanti ad un ufficio postale, la Mobile evita il peggio: tre denunciati

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento