Un milione e mezzo di euro per salvare le vite: ecco come sono stati creati i 16 posti Covid

L'Asp ha beneficiato - per gli ospedali di Agrigento e Sciacca - della donazione di Intesa Sanpaolo che ha siglato un protocollo con il dipartimento della Protezione civile e il commissario straordinario per il contenimento dell'epidemia

Una donazione - da 1.493.280 euro - per coprire i costi sostenuti per i 6 posti letto di terapia intensiva (ventilatori polmonari e monitor multi-parametrici) per l'ospedale "San Giovanni di Do" e per i 10 posti sempre di terapia intensiva (ventilatori polmonari e monitor multi-parametrici) per l'ospedale "Giovanni Paolo II" di Sciacca. A donare è stata l'Intesa Sanpaolo che ha stipulato un protocollo - per l'adozione di misure a sostegno delle azioni del Governo a fronte dell'emergenza Coronavirus - con il dipartimento della Protezione civile e il commissario straordinario per il contrasto e il contenimento dell'epidemia da Covid-19. Il beneficiario ultimo della donazione è l'azienda sanitaria provinciale di Agrigento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attrezzature anti-Covid, dispositivi di protezione individuale e farmaci: ecco quanto ha speso l'Asp

Proprio l'Asp di Agrigento ha stimato che, per raggiungere l'obiettivo di avere complessive 16 postazioni in ambiente a pressione negativa e dotate di tutte le attrezzature elettromedicali specifiche, serviva 1.493.280 euro. L'Asp aveva del resto già realizzato - per fronteggiare l'emergenza Covid-19 - interventi per 93.330 euro. Nello specifico, è costato 25 mila euro il sistema di estrazione con filtrazione assoluta per tutte le stanze di degenza del reparto di Rianimazione con canali antimicrobici e sistema di regolazione; 4 mila euro l'installazione di presa gas medicali complete per posti Terapia intensiva e sub intensiva Covid-19 compresa quota parte di tubazioni e quadri di riduzione; 15 mila euro sono stati invece spesi per le opere edili assimilabili per interventi di separazione percorso Covid in area emergenze; 5 mila euro la fornitura e posa in opera di monitor multiparametrico B-125 e 17.500 euro la fornitura e posa in opera di ventilatore polmonare e infine è costata 10 mila euro la fonitura di letti per la terapia intensiva. Va aggiunto anche il costo - di 76.500 euro - per postazione di terapia intensiva Covid-19.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento