Migranti sbarcati a San Leone, bloccati una dozzina di tunisini

Le ricerche proseguono ancora e si sono allargate, a macchia d'olio, anche nei quartieri immediatamente limitrofi

Uno degli immigrati sbarcati saluta i bagnanti

Sono una dozzina i migranti, verosimilmente tunisini, che gli agenti della sezione Volanti della Questura di Agrigento sono riusciti ad acciuffare dopo un'intera serata e notte di rastrellamenti nel quartiere balneare di San Leone. I migranti, circa 25, una volta sbarcati sulla spiaggia, salutando e sorridendo a quei bagnanti che hanno assistito all'approdo, si sono dispersi prima lungo il boschetto e poi, immediatamente dopo, lungo le traverse verso monte del rione. 

Barchino riesce ad arrivare fino a San Leone: in fuga circa 25 migranti, 10 bloccati

I poliziotti sono arrivati sul posto non appena hanno raccolto la segnalazione. Molti, verosimilmente un'altra dozzina, sono però riusciti ad allontanarsi e a far perdere le proprie tracce. Le ricerche proseguono ancora naturalmente. Ma si sono allargate, a macchia d'olio, anche nei quartieri immediatamente limitrofi. 

IL VIDEO. Ecco le immagini dell'approdo fantasma e della fuga dei migranti 

Agli agrigentini, sia a quanti hanno assistito allo sbarco che a quanti sono venuti a conoscenza della notizia, è rimasta, intanto, un'unica domanda: come sono riusciti ad arrivare - in pieno giorno - fino all'arenile di San Leone senza che venissero avvistati o segnalati? A quest'interrogativo se ne aggiunge, inevitabilmente, un altro: dove sono gli altri? 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento