Il bus di turisti bloccato a San Leone riparte dopo 18 ore: ecco com'è andata

Il sindaco: "Si è trattato di una comitiva dove c'erano alcuni soggetti provenienti dalle località isolate. Per loro, da parte del centro di coordinamento provinciale soccorsi è scattato il monitoraggio"

Hanno ripreso il viaggio dopo circa 18, lunghe ed estenuanti, ore d'attesa. Sono 23 le persone di varie zone della Lombardia, nonché la guida e l'autista dell'autobus che poco prima delle 20,15 si sono visti dare il via libera a lasciare il lungomare di San Leone ed Agrigento. Per tutti è stata una vacanza da dimenticare. A raccontare cosa è accaduto loro è stata la guida, una siciliana: "Noi eravamo in viaggio prima che venisse firmato l'ultimo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri. Già giorno 8, la sera, siamo arrivati quì ad Agrigento e siamo stati accolti, in albergo, con mascherine e guanti. Stamattina, come da decreto, ci siamo autodenunciati. Personalmente ho cercato, per ore, di contattare l'Asp. Siamo tornati in albergo e abbiamo trovato le porte chiuse, siamo stati noi a chiamare la polizia".

Bloccato un bus carico di turisti, richiesto l'intervento dell'Asp

Fra i 23 turisti, anche anziani di 77 anni. "Abbiamo avuto solo l'assistenza della polizia e un hotel ci ha dato dei pranzi a sacco, con panini e acqua - la guida ha proseguito il racconto della giornata infernale - . L'Asp è venuta a fare dei controlli, non ci hanno fatto i tamponi, ci hanno solo registrato. Stiamo aspettando - riferiva la guida alle ore 20 - che il prefetto ci dia il benestare per andare via. Noi dovevamo andare ad Acireale, ma forse adesso i turisti dormiranno a Castelvetrano". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per quanto mi risulta hanno deciso di andare immediatamente in aeroporto e prendere il primo volo disponibile per rientrare a casa - ha spiegato, invece, il sindaco di Agrigento Lillo Firetto - . Si è trattato di una comitiva arrivata ad Agrigento al cui interno c'erano alcuni soggetti provenienti dalle località isolate. Per loro, da parte del centro di coordinamento provinciale soccorsi è scattato il monitoraggio del rispetto delle norme previste dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri e dell'ordinanza del presidente della Regione. La vicenda è stata attenzionata dalla Prefettura e dal Comune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento